Home / CURIOSITA / L’incredibile pioggia di uccelli morti che ha colpito il sud della Spagna: un fenomeno incredibile dovuto alle forti ondate di calore

L’incredibile pioggia di uccelli morti che ha colpito il sud della Spagna: un fenomeno incredibile dovuto alle forti ondate di calore

Centinaia di rondoni piovono dal cielo in Spagna a causa dell’anomala ondata di caldo

L’ondata di caldo anomalo che sta colpendo la Spagna sta spingendo i rondoni a lasciare in anticipo i loro nidi. A Siviglia e Córdoba sono centinaia gli uccelli trovati in strada e i centri di recupero sono allo stremo.

Centinaia di giovani rondoni stanno letteralmente piovendo dal cielo a Siviglia e Córdoba, in Spagna, a causa della recente ondata di calore estremo. Sono infatti quasi 400 gli uccelli recuperati solamente nello scorso fine settimana al Centro di Recupero per Animali Selvatici di Siviglia. Veterinari, volontari e associazione stanno cercando di salvare quanti più rondoni possibile, ma molti vengono ritrovati in strada già morti a causa delle temperature estreme.

In questi giorni, in diverse regioni del Sud della Spagna sono state infatti toccate temperature record con massime fino a 43 gradi. I rondoni nidificano in cavità di edifici come sottotetti e tegole che si scaldano fino a diventare inabitabili, per cui si lanciano per evitare letteralmente di essere cotti, anche se non sono ancora pronti per volare. I recuperi sono però quasi fuori controllo, secondo i dati registrati dal CRAS, negli ultimi cinque mesi e mezzo il numero di rondoni arrivati al centro è raddoppiato rispetto al 2021 e solamente martedì 14 giugno ben 70 sono arrivati contemporaneamente.

Il lavoro delle associazioni come Ecourbe o SOS Vencejos consiste in particolare nel cercare di recuperare quanti più uccelli possibile e permettere loro di riprendersi consegnandoli ai CRAS, tuttavia molti muoiono sul colpo o nel giro di poche ore. Un fenomeno del genere si era già verifica lo scorso anno anche in Italia, in Sicilia, con i centri di recupero che arrivarono letteralmente al collasso. A essere colpiti sono soprattutto rondoni comuni (Apus apus), una delle tre specie più diffuse in Europa e quella che più frequentemente si riproduce nei centri urbani.https://83522d10f81e948cec2584e82d0a228f.safeframe.googlesyndication.com/safeframe/1-0-38/html/container.html?n=0

Originariamente questi uccelli costruivano i loro nidi nelle cavità degli alberi e delle rocce, ma la sempre più scarsa disponibilità di queste e la continua espansione delle città li ha spinti a trasferirsi nell’ecosistema urbano. Le popolazioni in tutto il mondo erano già state messe in difficoltà dalla sempre più scarsa disponibilità di fori e cavità dove nidificare, ridotti sempre più da restauri e architetture poco amiche della biodiversità.

Come accade spesso anche in Italia, l’emergenza in Spagna sta mettendo a nudo inoltre tutte le difficoltà e le scarse risorse dei centri di recupero. Anche a Siviglia è tutto nelle mani dei volontari, che si stanno letteralmente portando a casa i rondoni per poterli salvare. Attraverso Instagram l’associazione SOS Vencejo ha perciò attaccato le istituzioni, denunciando la preoccupante carenza di fondi e personale dei CRAS pubblici.

«Specie protetta? Protetta da chi? Siamo abbandonati dalle istituzioni, costrette per legge a proteggere le loro colonie e ad investire nelle loro cure» conclude polemicamente il post di SOS Vencejo.

Check Also

“Gli Usa vogliono scatenare la guerra” Blocco di Kaliningrad, l’ambasciatore italiano lancia la sacrosanta accusa: “Il Pentagono dietro la folle decisione della Lituania”

“Siamo a un passo dall’entrare in guerra”. Goffredo Buccini, giornalista del Corriere della Sera, lancia l’allarme …

Un commento

  1. temperature o 5G?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.