Home / NEWS / Draghi in gita a Kiev senza nemmeno aver capito il vero scopo di Macron: dire chiaramente a Zelensky che la guerra è finita. Ha vinto Putin su tutti i fronti
Il premier Mario Draghi, il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Scholz sono comparsi in alcuni scatti fotografici che li ritraggono insieme nel vagone di un treno. Si tratta del convoglio che li sta portando a Kiev, dove i tre leader Ue hanno in programma oggi di incontrare il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. ANSA / FILIPPO ATTILI / UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI

Draghi in gita a Kiev senza nemmeno aver capito il vero scopo di Macron: dire chiaramente a Zelensky che la guerra è finita. Ha vinto Putin su tutti i fronti

I tre leader si sono incontrati in un vagone subito dopo la
partenza del convoglio ieri sera, in vista dell’incontro di oggi con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Obiettivo della visita è portare “un messaggio di unità e piena coesione dei Paesi Ue” nel condannare la Russia e aiutare l’Ucraina.

Ribadire il sostegno all’Ucraina, vittima dell’aggressione russa, e tentare allo stesso tempo di esplorare possibili vie d’uscita dal conflitto, che si porta dietro la drammatica appendice della crisi del grano. Mario Draghi, Emmanuel Macron Olaf Scholz arrivano stamattina a Kiev per una missione carica di valore politico e simbolico: i leader dei tre principali Paesi Ue tutti insieme, faccia a faccia con Volodymyr Zelensky. Per dare prova di compattezza europea, e magari per indicare una linea non necessariamente identica a quella degli americani. Alla vigilia della missione è stato il capo dell’Eliseo a smarcarsi più nettamente dall’intransigenza di Washington nei confronti del Cremlino: “Il presidente ucraino e i suoi funzionari dovranno negoziare con la Russia – ha sottolineato dalla Romania -, noi faremo di tutto per fermare le forze russe e aiutare gli ucraini e il loro esercito”. 

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic QUI

Draghi, nella sua recente missione in Israele, ha spiegato che l’Italia continua a lavorare perché si giunga “quanto prima a un cessate il fuoco” e a “negoziati di pace”, ma ha chiarito che il negoziato dovrà avvenire nei “termini che l’Ucraina riterrà accettabili”. Nessuna pace imposta insomma, anche perché – è il ragionamento del premier – non sarebbe “sostenibile”. Macron invece è apparso ancora una volta più assertivo nei confronti di Kiev, affermando che “il presidente ucraino e i suoi funzionari dovranno negoziare con la Russia”. Il presidente francese del resto è il leader occidentale che più ha dialogato con Putin, invocando la necessità di “non umiliare” Mosca.

Check Also

“Gli Usa vogliono scatenare la guerra” Blocco di Kaliningrad, l’ambasciatore italiano lancia la sacrosanta accusa: “Il Pentagono dietro la folle decisione della Lituania”

“Siamo a un passo dall’entrare in guerra”. Goffredo Buccini, giornalista del Corriere della Sera, lancia l’allarme …

Un commento

  1. La Russia ha VINTO la guerra,
    gli oligarchi “ucraini” sono dei cerebrolesi avidi e parassiti, talmente stupidi e concentrati su “mangiare” da non capirlo, come i ratti ed vermi che preferiscono finire nell’inceneritore insieme alle carogne di cui si stanno nutrendo, che mollare la presa.

    Draghi è è una nullità, che dai tempi del BRITANNIA ha sempre eseguito le istruzioni per svendere l’Italia
    non è capace di avere dei pensieri autonomi, è simile ai ratti/vermi ucraini
    paradossalmente il gerontofilo francese ha più senso dello Stato, forse perchè il ricordo della GHIGLIOTTINA è ancora vivo nei politicanti d’oltralpe

    Di buono, per noialtri c’è che il petrolio sta crollando, indice che la Russia sta vincendo, ma ENI e soci ormai SVENDUTE agli STRANIERI ci stanno DISSANGUANDO con i pressi assurdi di METANO e BENZINA
    CAPITO a cosa serviva l’indipendenza energetica che ENI ci dava?
    CAPITO perchè Draghi ha svenduto ENI e le nostre aziende petrolifere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.