Home / NEWS / L’indegno teatrino al seggio di Giorgia Meloni: si presenta bardata con tanto di museruola. Travolta da una valanga di sacrosanti insulti

L’indegno teatrino al seggio di Giorgia Meloni: si presenta bardata con tanto di museruola. Travolta da una valanga di sacrosanti insulti

Entra nella scuola e la prima cosa che fa si lamenta (inutilmente): “E’ una follia la mascherina al seggio!”. Voto con polemica per la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, che a metà mattinata, mascherina sul viso, a metà mattinata si è recata alle urne nella scuola Vittorio Bachelet a Roma alla Garbatella, quartiere dove è cresciuta. Ma la cosa più curiosa – la scena è ripresa in un video – è che qualcuno sentita la lagnanza le ha fatto notare che la mascherina non era affatto obbligatoria.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic QUI

“E’ solo raccomandata!”. E lei cosa fa? Se la toglie? No. Se la tiene. Facendo finta di niente. Difficile del resto ammettere di non sapere che l’obbligo della mascherina, dopo la sottoscrizione dell’ “addendum” al protocollo sanitario dell’11 maggio scorso per svolgimento delle consultazioni elettorali e referendarie firmati dai ministri Roberto Speranza e Luciana Lamorgese, fosse stato eliminato. Ma per andare a votare il dispositivo di sicurezza era solo raccomandato.

Check Also

“Gli Usa vogliono scatenare la guerra” Blocco di Kaliningrad, l’ambasciatore italiano lancia la sacrosanta accusa: “Il Pentagono dietro la folle decisione della Lituania”

“Siamo a un passo dall’entrare in guerra”. Goffredo Buccini, giornalista del Corriere della Sera, lancia l’allarme …

6 commenti

  1. Meloni, frutto di Forza Italia, é la prova che la mela non cade ma lontano dall’albero, con lei all’opposizione la feccia al governo dorme sonni tranquilli..

  2. come sempre falsa ed imbrogliona la coatta dell’ Aspen Institute…

  3. Un’altra rincoglionita!!!

  4. Ignorante e serva.
    Questa è la (finta)opposizione, dunque è ovvio che gl’italiani non si siano fidati delle leggi che il parlamento avrebbe dovuto promulgare dopo il referendum abrogativo e dunque non siano andati al voto.

    Quando il Popolo perde fiducia nello Stato, poi, crolla lo Stato.

  5. Sta buffonata della foto con la mascherina se la poteva risparmiare, così è chiaro anche ai più ingenui che è una stampella esterna del governo, una vera opposizione non avrebbe agito in questo modo. Non posso credere che pensi che la pezza sul viso abbia una qualche utilità…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.