Home / NEWS / Letta è a libro paga della Cina? Il folle voto da lui sponsorizzato per abolire le auto a motore termico è un vantaggio solo per la potenza orientale

Letta è a libro paga della Cina? Il folle voto da lui sponsorizzato per abolire le auto a motore termico è un vantaggio solo per la potenza orientale

di Riccardo Molinari da Facebook

Letta e il Pd votano in Europa per smantellare l’automotive italiano facendo perdere migliaia di posti di lavoro in tutto il Piemonte a favore della Cina in nome di una falsa sostenibilità visto che la Cina inquina più di Usa, India, Russia e Giappone messe insieme. Poi scopriamo che lo stesso Letta nel recente passato, come raccontato da diverse fonti giornalistiche, è stato co-presidente di ToJoy Western Europe, la consociata di ToJoy, gruppo cinese impegnato su molti fronti. Rapporti che certo alimentano i nostri sospetti. Non vorremmo che dietro al tema dell’ambiente, ci sia un disegno per smantellare l’Italia e favorire la Cina.

Matteo Salvini: “Letta ha rapporti con la Cina? Intervengano i servizi”, scoppia il caso

Matteo Salvini non usa giri di parole. Il leader della Lega mette nel mirino il segretario del Pd, Enrico Letta, e lo attacca a viso aperto. Il leader dem infatti si è schierato apertamente a favore della stretta sulle auto a benzina e diesel e ha appoggiato in modo chiaro la svolta Ue che dà il via libera alle elettriche a partire dal 2035 mettendo al bando le auto che usiamo oggi. Salvini è su una posizione opposta e di fatto ha voluto sottolineare l’esigenza di trovare una mediazione sul futuro dell’automotive.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic QUI

La scelta dell’Europa mette a rischio migliaia di posti di lavoro e inoltre mette anche le mani nelle tasche degli italiani: è noto che le auto elettriche costino molto di più di quelle a benzina o gasolio. E così Salvini in modo provocatorio ha attaccato letta mentre si trovava a Il Salone del Mobile di Milano: “Mettere fuorilegge le auto a benzina e gasolio è da cretini perché inquini di più. O Letta ha legami con la Cina, interessi con la Cina o non si spiega. A questo punto intervenga il Copasir o i servizi segreti visto che va di moda. È una scelta che non si spiega perché non difendi l’ambiente, il lavoro e nemmeno il tuo paese, sono esterrefatto”.

Parole, quelle di Salvini, che di certo non passeranno inosservate e di fatto il leader del Pd risponderà. Il duello tra i due va avanti da tempo e molto probabilmente si inasprirà in vista della campagna elettorale che ci porterà alle politiche. 

Check Also

“Gli Usa vogliono scatenare la guerra” Blocco di Kaliningrad, l’ambasciatore italiano lancia la sacrosanta accusa: “Il Pentagono dietro la folle decisione della Lituania”

“Siamo a un passo dall’entrare in guerra”. Goffredo Buccini, giornalista del Corriere della Sera, lancia l’allarme …

Un commento

  1. Vorrei ricordare al mutaforma Salvini che è al Governo.
    La Cina non c’entra nulla, invece Goldman Sachs (Draghi) le banche USA-UK forse c’entrano qualcosa
    Cina e Giappone bollarono come “follia” le auto elettriche e la “transizione ecologica”
    “transizione” verso tecnologie che oggi NON esistono
    Dunque LORO voglio distruggere l’attuale sistema economico-industriale occidentale
    “il GRANDE RESET” e dicono di voler sostituire le attuali tecnologie, con tecnologie che non esistono,
    ergo: l’obbiettivo è di DISTRUGGERE non di “transizionare”.
    L’ecologia è una patetica scusa, ricordo che UNA nave mercantile INQUINA come 45.000 automobili
    un aeroporto inquina come tutte le automobili italiane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.