Home / NEWS / Dopo bollette e beni di consumo, la Strega della Bce regala il colpo di grazia alle famiglie italiane: la sua mossa porterà in automatico all’aumento dei mutui delle case e dei prestiti alle aziende

Dopo bollette e beni di consumo, la Strega della Bce regala il colpo di grazia alle famiglie italiane: la sua mossa porterà in automatico all’aumento dei mutui delle case e dei prestiti alle aziende

Mutui e prestiti più cari per le famiglie, credito più costoso per le imprese, rendimenti dei titoli di Stato in aumento e tensione sui mercati: si sentiranno fin da subito gli effetti delle decisioni della Bce che a luglio, oltre a chiudere il programma di acquisti dei bond, dopo undici anni procederà anche con il primo rialzo dei tassi di 25 punti base, seguito a settembre da un nuovo rialzo di 50 punti.
    Di seguito le conseguenze principali destinate a condizionare le decisioni di risparmiatori e investitori.
   
SALGONO I MUTUI. Finisce l’era dei mutui a costo quasi zero.
    Se ne è accorto già negli ultimi mesi chi chiedeva un nuovo finanziamento e si è visto offrire un tasso più alto di quelli concessi l’anno scorso. In vista della stretta di Francoforte, annunciata da mesi, il mercato si è infatti preparato e le banche hanno ricominciato a caricare sui risparmiatori i costi del denaro che da luglio sarà più caro. I mutui a tasso variabile subiranno l’effetto più immediato: le rate saliranno da luglio. Ovviamente più cari saranno anche i prestiti personali o la rateizzazione delle spese.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic QUI
   
PRESTITI PIU’ CARI PER LE IMPRESE. Fino ad oggi le aziende, soprattutto Pmi, hanno avuto vita più semplice potendo contare su prestiti a tassi molto bassi, in alcuni casi ottenuti con garanzie statali e con scadenze prorogate grazie alle moratorie introdotte dal Governo per mitigare gli effetti del Covid sull’economia. Da luglio tutta l’operazione sarà più costosa, perché le rate dei prestiti saranno più alte. E non è detto che le moratorie statali saranno rinnovate. Inoltre, le decisioni della Bce non mitigheranno subito la corsa dell’inflazione, lasciando le imprese con il problema dei prezzi alti che, non potendo sempre scaricare sul consumatore finale comportano minori guadagni.
   
REDIMENTI DEI TITOLI DI STATO IN AUMENTO. Si annunciano mesi caldi sul fronte del debito: l’annuncio della Bce ha subito colpito i redimenti e il Btp a 10 anni italiano è schizzato di 15 punti base, superando la quota del 3,5% e aggiornando i massimi dal 2018. Lo spread è salito a 216 punti, toccando i massimi dal 2020. In sostanza il debito italiano costerà di più e se da una parte gli investitori avranno cedole più elevate, dall’altra si riaccendono i rischi di tenuta sul Paese che ha il secondo debito più elevato della zona euro e che da luglio non potrà più contare sugli acquisti in massa di Francoforte.

Check Also

“Gli Usa vogliono scatenare la guerra” Blocco di Kaliningrad, l’ambasciatore italiano lancia la sacrosanta accusa: “Il Pentagono dietro la folle decisione della Lituania”

“Siamo a un passo dall’entrare in guerra”. Goffredo Buccini, giornalista del Corriere della Sera, lancia l’allarme …

2 commenti

  1. e non è finita, il governo Draghi ha intenzione, con il ddl concorrenza, di privatizzare l’acqua in barba al referendum

    https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2022/06/10/acqua-pubblica-torna-ai-privati-il-referendum-tradito/6620165/amp/

    cosa dire di Draghi?.. c’aveva ragione Cossiga: é un vile affarista! (video)

    https://youtu.be/StsYZwVTRr0

  2. La Lagarde sa benissimo che l’inflazione che dice di voler controllare è dovuta alla MANCANZA di beni,
    dall’agricoltura, al petrolio e gas, CAUSATA dalla distruzione delle catene di approvvigionamento interrotte dai blocchi covid e dall’embargo suicida alla Russia
    Dunque alzare i tassi NON serve a far apparire milioni di metri cubi di metano e barili di petrolio
    inoltre il denaro più caro fermerà l’economia
    Nel 1973 i paesi arabi dell’OPEC per METTERE IN GINOCCHIO le economie dell’Occidente, decisero di NON venderci più il PETROLIO
    OGGI i GOVERNI SERVI degli OLIGARCHI miliardari U.S.A. e UK VOGLIONO METTERE in GINOCCHIO l’EUROPA
    Non c’è nessun’altra spiegazione a questo fatto.
    Pensare che il Governo e la UE agiscano per il nostro bene è… folle?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.