Home / NEWS / Armi all’Ucraina, sarà il prossimo 21 giugno il giorno in cui Conte e Salvini dovranno dimostrare di non essere asserviti al bancario della Nato che siede a Palazzo Chigi
MARIO DRAGHI

Armi all’Ucraina, sarà il prossimo 21 giugno il giorno in cui Conte e Salvini dovranno dimostrare di non essere asserviti al bancario della Nato che siede a Palazzo Chigi

Per Draghi “sarà un passaggio rischioso”, ma il presidente del Consiglio “persegue l’obiettivo della pace. Non so cosa proporrà e cosa faranno Conte e Salvini, ma il Parlamento è sovrano e quindi se non la pensa come il premier bisognerà trarre le conseguenze”. A dirlo dal Festival dell’Economia a Trento, è Giancarlo Giorgetti riferendosi alle comunicazioni che il presidente del Consiglio farà alle Camere il 21 giugno prima del vertice europeo che riguarderà ancora una volta la guerra in Ucraina. Un intervento fortemente voluto dal Movimento 5 Stelle e dalla Lega e non a caso i grillini stanno preparando una risoluzione da far votare dopo le comunicazioni di Draghi per chiedere lo stop all’invio di armi all’Ucraina.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic QUI

Check Also

“Gli Usa vogliono scatenare la guerra” Blocco di Kaliningrad, l’ambasciatore italiano lancia la sacrosanta accusa: “Il Pentagono dietro la folle decisione della Lituania”

“Siamo a un passo dall’entrare in guerra”. Goffredo Buccini, giornalista del Corriere della Sera, lancia l’allarme …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.