Home / NEWS / “Hanno fatto sparire i documenti più importanti dal fascicolo!” Processo Navi pirata, l’incredibile denuncia di Giulia Bongiorno, avvocato difensore di Matteo Salvini

“Hanno fatto sparire i documenti più importanti dal fascicolo!” Processo Navi pirata, l’incredibile denuncia di Giulia Bongiorno, avvocato difensore di Matteo Salvini

Il video che smentisce la versione della ong Open Arms è “sparito” dai fascicoli del processo all’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini, accusato di sequestro di persona rifiuto di atti d’ufficio per essersi opposto allo sbarco di immigrati dalla ong Open Arms nell’agosto 2019. Ma manca anche un’altra carta “pesante”, spiegano fonti della difesa del leader della Lega che rischia fino a 15 anni di carcere che parlano di “dettagli e notizie inquietanti” che vengono fuori di udienza in udienza (la prossima è fissata per il 17 giugno). 

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

Durante la testimonianza di venerdì 13 maggio, in qualità di direttore del servizio immigrazione e della polizia delle frontiere del Viminale, “Fabrizio Mancini ha rivelato l’esistenza di un video che immortalerebbe il primo intervento della ong: è il primo agosto 2019, in acque SAR libiche la nave avvicina un barchino che, sottolinea Mancini, in verità non era in condizioni di pericolo, come dimostrato da alcune immagini girate grazie a un sommergibile italiano che si trovava in zona”, rivelano gli avvocati di Salvini. La difesa del leghista è rappresentata dall’avvocato Giulia Bongiorno.

Le immagini dimostrerebbero che la “ong interviene senza avvertire le autorità o lanciare allarmi, giustificandosi con l’urgenza di portare in salvo le persone. Il video smentisce questa ricostruzione: sarebbe stato trasmesso alla Procura di Roma e a tutte le Procure siciliane ma  – inspiegabilmente – non è nel fascicolo del processo”, denunciano i legali che sottolineano come il “mistero” si sommi a un altro “giallo”: manca anche la “comunicazione di notizia di reato redatta dalla Guardia di Finanza in cui si ipotizzava il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina in capo al Comandante della Open Arms e al capo missione, come riferito dal capitano delle Fiamme Gialle Edoardo Anedda all’udienza del 17 dicembre 2021. Nemmeno questo documento è nel fascicolo, nonostante contenesse informazioni rilevanti sull’attività della ong”.

Check Also

“I medici Ucraini scappati in Italia si devono vergognare” La dottoressa De Mari ancora una volta senza peli sulla lingua

La dottoressa Silvana De Mari è sospesa dall’esercizio della professione medica “per non aver ceduto al ricatto …

2 commenti

  1. E poi c’è chi si meraviglia se la giustizia italiana nelle classifiche mondiali è superata perfino dal Ghana! Abbiamo tribunali in cui negli uffici corpi di reato sparisce tutto, basta vedere il processo per la strage di Erba, o quello per il delitto di Lidia Macchi, o quello di Bossetti, ecc. ecc. Ma qui dovrebbero rottamare tutta la “giustizia” italiana, a cominciare dai cancellieri, dagli impiegati, e per passare poi ai magistrati (almeno per l’80%). Come è possibile avere fiducia in una “giustizia” che non è nemmeno in grado di conservare al sicuro i documenti più importanti?

  2. auguro a Salvini il carcere da innocente, come lo abbiamo subito noi tutti in ottemperanza a provvedimenti assurdi promossi anche dai leghisti, decreti legge discriminatori e anticostituzionali che di fatto hanno privato i cittadini non solo della libertà personale ma anche del diritto al lavoro, riducendo milioni di famiglie alla fame

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.