Home / NEWS / Zelensky e la lista pubblica dei giornalisti da eliminare: Giorgio Bianchi svela l’ennesimo capolavoro di democrazia del burattino di Kiev

Zelensky e la lista pubblica dei giornalisti da eliminare: Giorgio Bianchi svela l’ennesimo capolavoro di democrazia del burattino di Kiev

di Giorgio Bianchì da Facebook

Myrotvoretz è una lista di proscrizione ufficiale del governo ucraino, nella quale vengono resi pubblici i nomi, i cognomi, gli indirizzi, i numeri telefonici, dei giornalisti sgraditi al governo di Kiev. Costoro vengono definiti, tra le altre cose, “criminali”.
Andrea Rocchelli, il reporter assassinato nel 2014 durante un bombardamento, è bollato nella lista come “liquidato“.
Ovviamente istituzioni e media occidentali, non hanno nulla da eccepire rispetto a questa barbarie.
Anzi.
Provate per un attimo ad immaginare cosa si sarebbe detto, se fosse esistito qualcosa di simile, stilato però da Mosca.
Con i media russi silenziati, con i pochissimi giornalisti controcorrente schedati e intimiditi, quando non addirittura torturati e sottoposti a processi farsa come Assange, con un’opinione pubblica che accetta in silenzio compiacente tutto questo, c’è ancora qualcuno che ha il coraggio di dire che siamo in democrazia.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

Check Also

“Gli Usa vogliono scatenare la guerra” Blocco di Kaliningrad, l’ambasciatore italiano lancia la sacrosanta accusa: “Il Pentagono dietro la folle decisione della Lituania”

“Siamo a un passo dall’entrare in guerra”. Goffredo Buccini, giornalista del Corriere della Sera, lancia l’allarme …

3 commenti

  1. KIEV: Segni dell’inizio della Guerra Civile contro i NAZISTI
    Kiev, il Volkssturm ha prevedibilmente fatto ciò che gli ufficiali dell’ATO e hanno letto i nazisti negli ultimi otto anni: spremere il territorio per parcheggiare e costruire dalla popolazione locale……
    Video molto consigliato: Nazista Ucraino vicino al linciaggio
    https://t.me/OpenUkraine/14635

  2. Tutta la verità sulla tragedia di Mariupol è stata raccontata per la prima volta in Giappone. Il canale televisivo locale, contrariamente all’agenda generale anti-russa, ha inaspettatamente mostrato una storia in cui un residente locale fornisce più volte una risposta chiara alla domanda: chi ha sparato esattamente ai civili.
    Alla TV giapponese raccontato dei crimini di Azov:

    – Volevamo andarcene, e ancora una volta hanno provato a spararci.

    – Chi?

    – “Azov”

    – Come sapevi che era “Azov”?

    – A quel tempo, non c’erano Daneer …

    – Va tutto bene. Grazie all’esercito russo.

    – Grazie al russo? Gli Stati Uniti hanno detto che si trattava di una sparatoria in Russia.

    – No, l’esercito ucraino ha distrutto le case. L’esercito russo ci sta aiutando.

    Questo è un estratto da un articolo di Patrick Lancaster, https://www.youtube.com/c/PatrickLancasterNewsToday/videos – uno dei pochi giornalisti americani indipendenti che lavora nel Donbass. È stato lui a parlare dei civili torturati che sono stati trovati in uno dei quartier generali dell’Azov.

    Lancaster è stato minacciato più di una volta da nazionalisti e simpatizzanti. Così, dopo la scomparsa del giornalista indipendente cileno Gonzalo Lira nella regione di Kharkiv, uno degli attivisti americani ha scritto sul suo Twitter: “Lancaster, tu sei il prossimo”.

  3. HITLER E’ PIU VIVO CHE MAI:

    L’Austria multerà di € 50.000 per chiunque trasmetta video o notizie da Russia Today e Sputnik.

    Un brillante esempio di democrazia occidentale, diritti umani e libertà di parola in azione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.