Home / CURIOSITA / La grande truffa al supermercato: stesso prezzo, ma meno prodotto nella confezione. Ecco come ci stanno fregando e come accorgersene

La grande truffa al supermercato: stesso prezzo, ma meno prodotto nella confezione. Ecco come ci stanno fregando e come accorgersene

Dalle multinazionali arriva un’altra fregatura ai cittadini e ai consumatori. E arriva direttamente tra gli scaffali del supermercato e nei carrelli della spesa. Si chiama “Shrinkflation”, ossia l’inflazione occulta. Di cosa si tratta? E perché ci tocca molto direttamente? Come spiega Libero in un approfondito articolo, “si restringe quasi impercettibilmente la quantità del prodotto, ma il prezzo resta invariato. Il Financial Times è stato il primo a denunciare la pratica: sacchetti di patatine, appunto, riempiti con cinque o dieci sfoglie in meno; rotoli di carta igienica da cui mancano una trentina di strappi; qualche decilitro di sapone in meno nelle bottiglie; flaconi di detersivo non riempiti del tutto; barrette di cioccolato, specie quelle a tocchi triangolari, meno pesanti e con la distanza drammaticamente aumentata tra i blocchetti”.

Non solo la spesa ormai ci costo l’ira di Dio, ma adesso ci ritroviamo a pagare prezzi assurdi per confezioni che contengono meno prodotto. Se ne sono accorte le associazioni di consumatori che ora stanno denunciando questi atteggiamenti subdoli. Se ne sono accorti anche i consumatori, ma – almeno così pare, se non si tratta di connivenza – non se n’è accorta la politica che se ne resta a guardare. “Secondo le stime preliminari Istat, l’inflazione a marzo ha toccato quota +6,7% su base annua, aumentando di un ulteriore punto percentuale rispetto al mese precedente. Anche qui, a trascinare la crescita è l’energia, il cui prezzo segnerebbe una variazione annuale del +52,9%, seguito dai beni alimentari, il cui costo sarebbe aumentato del +4,0% rispetto a un anno fa. Epperò, se i rincari in bolletta (o alla pompa) sono stati notati da molti, gli effetti dell’inflazione paiono scomparire sullo scontrino del supermercato”. 

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

Ma è la shrinkflation. Spiega Francesco Specchia: “Mi faccio spiegare il rimpicciolimento dei prodotti da un collega esperto di scaffali. Mi confonde ancora di più: «Ipotizziamo che un anno fa il costo di una confezione di spaghetti fosse di 2,15 euro (pari a 215 centesimi) per 500 grammi di prodotto. Di conseguenza il prezzo al grammo, ottenuto dividendo il prezzo della confezione per il peso del prodotto venduto (215 ÷ 500), era di 0,43 centesimi al grammo». Ancora: «Oggi il prezzo è rimasto invariato, quindi sempre 2,15 euro (215 centesimi), ma la confezione non contiene più 500 grammi di spaghetti, bensì 478. Il prezzo al grammo quindi ora è di circa 0,45 centesimi, il 4% in più rispetto a un anno fa». Conclusione: sì, ci hanno fregato”.

La sòla ovviamente è globale, e viene dagli Stati Uniti, dove i consumatori sono tendenzialmente crocefissi. Conclude Specchia: “Da noi risulta una pratica scorrettissima, se non è ‘comunicata correttamente’, cosa che non avviene praticamente mai. Conto le patatine e mi consolo pensando, almeno, di essermi messo in stretto regime alimentare senza accorgermene. Con i soldi delle mia cresta c’è gente che si paga l’inflazione, io, figli o non figli, avrei pagato un dietologo…”. Quelli in foto sono solo alcuni esempi, il fenomeno riguarda praticamente tutte le case e i prodotti. E negli Stati Uniti si stanno registrando i casi maggiori. Povera spesa…

Check Also

Vaiolo delle scimmie: chi colpisce, quali sono i sintomi e la mortalità. Cosa sappiamo ad oggi alla luce dei primi casi segnalati in tutta Europa, Italia inclusa

Un caso anche in Italia, un giovane tornato dalle Canarie ricoverato all’ospedale Spallanzani (e altri …

Un commento

  1. Un esempio banale? Le m&m’s… nessuno si è accorto che la dimensione delle caramelle si è ridotta….perchè? Perchè riducendo la superfice il volume interno cala drasticamente e il rapporto tra zucchero di copertura (poco costoso) e la massa interna di cacao (la parte più costosa) si sposta in favore dello zucchero.Se ad un oggetto riduciamo della metà la superfice esterna…il volume cala di 8 volte!! Quindi in realtà credi di pagare il solito e invece stai comprando dello zucchero carissimo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.