Home / NEWS / Torino, la Digos sta trattando come terroristi gli studenti barricati in Università per contestare il Green Pass

Torino, la Digos sta trattando come terroristi gli studenti barricati in Università per contestare il Green Pass

Apprendiamo dagli studenti contro il green pass di Torino che la Digos e le forze dell’ordine di stanza nella città della Mole hanno bloccato le porte del Rettorato occupato, consentendo le uscite ma non gli ingressi. A ciò si accompagna un ultimatum di 24 ore, dopo il quale scatteranno denunce penali a carico dei ragazzi. L’ordine di procedere in questo modo sarebbe giunto direttamente dal Rettore, ma al momento non è stato diffuso alcun documento scritto in proposito.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

Seguiranno aggiornamenti, ma nel mentre INVITIAMO TUTTI I CITTADINI E GLI ATTIVISTI DI TORINO A RAGGIUNGERE IL RETTORATO IN VIA VERDI per sostenere gli studenti che si trovano ancora all’interno degli edifici. In attesa di ulteriori sviluppi, desideriamo fin d’ora esprimere tutto il nostro biasimo per quello che, a tutti gli effetti, ha assunto le sembianze di un sequestro sui generis. L’amministrazione esecutiva di questo Stato duale deviato, evidentemente, non ha ancora compreso che i suoi abusi di potere non ci spaventano, semmai ci rendono ancora più forti. Pieno sostegno agli studenti, oggi più che mai.

Check Also

“Gli Usa vogliono scatenare la guerra” Blocco di Kaliningrad, l’ambasciatore italiano lancia la sacrosanta accusa: “Il Pentagono dietro la folle decisione della Lituania”

“Siamo a un passo dall’entrare in guerra”. Goffredo Buccini, giornalista del Corriere della Sera, lancia l’allarme …

2 commenti

  1. Questa è la gioventù “sana” (in tutti i sensi) della nostra povera Italia. Bravi, bravi e ancora bravi!!! Peccato per gli altri studenti che non riescono a vedere oltre il loro naso….davvero peccato!

  2. un applauso per questi ragazzi che hanno il coraggio e la forza di protestare!
    ovviamente le forze dell’ordine stanno sempre dalla parte sbagliata della storia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.