Home / NEWS / “Usano l’ipnosi di massa per farci vaccinare” Eric Clapton esce allo scoperto con una durissima accusa alla mafia di big Pharma

“Usano l’ipnosi di massa per farci vaccinare” Eric Clapton esce allo scoperto con una durissima accusa alla mafia di big Pharma

Il chitarrista inglese ha rilasciato dichiarazioni controverse sulle vaccinazioni e sulla gestione della pandemia da parte delle autorità

di Novella Toloni per Il Giornale

“Ho visto delle cose su YouTube che mi parevano messaggi subliminali e ho iniziato a mettere insieme i pezzi del puzzle”. Le ultime dichiarazioni rilasciate da Eric Clapton nel corso di un’intervista a Real Music Observer stanno facendo molto discutere.

Il musicista, 76 anni, è tornato a parlare della sua posizione critica nei confronti delle vaccinazioni e delle restrizioni imposte dai governi per contenere i contagi da Covid-19. Vaccinato con doppia dose di AstraZeneca, Eric Clapton aveva rivelato di avere subito seri effetti collaterali dopo la somministrazione tanto da temere di non riuscire più a suonare. Durante l’intervista il chitarrista ha spiegato di essersi vaccinato non per sua scelta, ma sotto il bombardamento mediatico portato avanti da istituzioni e case farmaceutiche.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

“Ho pensato: ma cosa sta succedendo? Poi Mattias Desmet (psicologo, ndr) ne ha parlato e mi ha illuminato: è la teoria dell’ipnosi di formazione di massa. Una volta che l’ho scoperta, l’ho rivista ovunque. Ho visto delle cose su YouTube che mi parevano messaggi subliminali, e ho iniziato a mettere insieme i pezzi del puzzle”, ha dichiarato Clapton all’emittente radiofonica. Una “scoperta” che lo avrebbe convinto a consolidare la sua posizione critica e avversa alla vaccinazione: “In Inghilterra abbiamo la BBC per una visione imparziale di quello che succede in patria e nel mondo. All’improvviso, però, i notiziari sono diventati una narrazione a senso unico verso l’obbedienza alle disposizioni. E ha risvegliato un istinto che stava dormendo. Poi i tizi al governo hanno iniziato a farmi incazzare davvero. Così mi sono rimesso al lavoro e ho ricominciato a scrivere”.

L’artista inglese ha iniziato così una collaborazione con il cantautore Van Morrison, anche lui apertamente contro il vaccino e le restrizioni, pubblicando il singolo anti-lockdown “Stand & Deliver“. Le surreali teorie di Clapton lo hanno portato, però, all’isolamento. Lo ha confermato lui stesso nell’intervista: “I miei familiari pensano che sia uno svitato. Nell’ultimo anno è scomparsa un sacco di gente, così ho potuto rivedere le mie amicizie. Sono rimasti quelli a cui voglio molto bene e di cui ho davvero bisogno”. Anche gli artisti, con i quali ha collaborato negli anni, hanno preso le distanze dalla sua nuova vena musicale dichiaratamente polemica: “Mi piacerebbe entrare in contatto con altri musicisti ma il mio telefono non squilla più come prima”. Eric Clapton ha anche affermato – a luglio – di non voler suonare in club e forum dove l’ingresso non sarà garantito a tutti, vaccinati e non. Difficile capire, a questo punto, cosa succedere a maggio e giugno quando l’artista dovrebbe arrivare in Italia per alcune date live.

Check Also

Quarta dose, la vergognosa minaccia di Bassetti agli italiani che la rifiutano: cosa si è permesso di dire l’omuncolo di Genova

“Dove sono finiti i no-vax? Rispetto ai numeri iniziali si sono progressivamente molto ridotti, un po’ …

2 commenti

  1. ma! resta da capire come una persona così apparentemente acuta possa essere allo scuro di tutto , e si che David Icke e alti personaggi sono delle sue parti , e sono anni che denunciano

  2. Grande Eric Clapton

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.