Home / NEWS / “Non si premia col Quirinale uno che racconta balle” Maria Giovanna Maglie a testa bassa contro Draghi: solo lei poteva aver le palle per dirlo apertamente

“Non si premia col Quirinale uno che racconta balle” Maria Giovanna Maglie a testa bassa contro Draghi: solo lei poteva aver le palle per dirlo apertamente

Solo nella nazione di Pinocchio le bugie vengono premiate e così l’uomo che aveva convinto gli italiani a vaccinarsi spacciando l’obbligo vaccinale nascosto nel green pass come “una misura con i quali i cittadini possono continuare a svolgere attività con la garanzia di ritrovarsi tra persone che non sono contagiose” si accinge oggi ad assurgere al Colle del Quirinale. Ma per fortuna ci sono ancora giornalisti che non temono la verità. E così Maria Giovanna Maglie, ospite nella puntata del 20 Gennaio di Dritto e rovescio, condotto da Paolo del Debbio, non risparmia nessuna bordata e mette in luce il senso di paura e sconforto generato dalla ormai conclamata inefficacia dei vaccini nel contenimento dei contagi. Una constatazione, quella della Maglie, sotto gli occhi di tutti, ma impronunciabile per i media main stream.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

“Non ho mai detto – incalza la Maglie in diretta – che la gente è terrorizzata dal vaccino. La gente è terrorizzata, e che ci sia un insano terrore in tutta la nazione spero che nessuno lo vorrà negare, perché si era fidata del vaccino come chiave dell’immunizzazione, anche mandandole giù obtorto collo. Ma non è stato così e ora è terrorizzata”. Ingannata e spremuta e oberata di costi di mascherine e tamponi il cui prezzo in Italia è ingiustificatamente superiore a quello degli altri stati Europei, Francia compresa.

“È abbastanza semplice, in altri luoghi – chiosa la Maglie – del mondo i tamponi non sono stati usati. Per ragioni politiche ed anti-italiane da noi si sono pagati a caro prezzo per far sì che la gente si stancasse e ricorresse al vaccino, poi quando hanno visto che non riuscivano hanno cominciato a demonizzarli. Oggi non sono più controllabili. Quelli che oggi fanno la fila per i tamponi sono coloro che non vogliono fare la terza dose, che non credono all’infallibilità e all’immunizzazione e che sono terrorizzati per i figli. La questione tamponi non è più controllabile”.

Check Also

“I medici Ucraini scappati in Italia si devono vergognare” La dottoressa De Mari ancora una volta senza peli sulla lingua

La dottoressa Silvana De Mari è sospesa dall’esercizio della professione medica “per non aver ceduto al ricatto …

5 commenti

  1. Un inetto, contapalle, killer della nostra salute e della nostra economia….come lo aveva PERFETTAMENTE descritto il compianto Cossiga…..e questo “personaggio” dovrebbe essere il garante della nostra Costituzione??? Ormai calpestata? Con quali meriti? Di aver sfasciato il paese e aver distrutto i rapporti interpersonali? Oltre aver re-introdotto la segregazione? Un fallimento dietro l’altro e lo premiamo pure? Che vomito!!!

  2. Fosse soltanto un contaballe, saremmo “fortunati”
    A me viene in mente uno scandalo dimenticato, nascosto…
    1994 Mario Draghi era direttore generale del Tesoro, sottoscrisse a nome nostro dei derivati, la cosa andò malissimo (per noi), ma il figlio fu assunto da…
    c’è chi ha scritto un libro, perchè lo “scandalo” è una storia lunga
    Scandalo derivati: grazie Draghi! Arianna Editrice
    Non si sa di preciso quanto ci sia costato, perchè TUTTI i partiti lo misero a tacere, ma pare 8MILIARDI di euro, secondo F.T.
    Draghi fu premiato con la presidenza della BCE
    ed ora è primo ministro… per me lo faranno Mega Presidente Galattico

  3. Le palle le racconta la signora Maglie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.