Home / NEWS / Soldi dall’armatore in cambio di favori, anche Tonelli nelle chat che incastrano Beppe Grillo

Soldi dall’armatore in cambio di favori, anche Tonelli nelle chat che incastrano Beppe Grillo

Soldi da Moby, Grillo indagato: “Girò le richieste ai politici”. Nelle chat anche Toninelli

L’accusa è di traffico di influenze illecite. Tra i destinatari del pressing anche il senatore, all’epoca ministro dei Trasporti. Perquisiti gli uffici del garante M5S e della Casaleggio. I legali dell’armatore: “Sono vecchi amici, qualcosa è stato equivocato”.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

La notizia ha creato il caos nel Movimento 5 Stelle: Beppe Grillo è indagato per alcuni contratti pubblicitari sottoscritti nel 2018-2019 dalla compagnia marittima “Moby spa” di Vincenzo Onorato con il blog Beppegrillo.it. L’ipotesi di reato è quella di traffico di influenze illecite. Come spiegato da Luca Fazzo su ilGiornale in edicola oggi, il sospetto è che alcuni eletti possano essere stati usati come “braccio operativo” per qualche affare. Ma al momento si tratta solamente di ipotesi e dubbi, che andranno confermati o meno alla luce delle verifiche del caso. Nel frattempo sarebbero spuntate anche delle chat tra Grillo e Danilo Toninelli.

Uno degli snodi principali è stato spiegato nel comunicato di Riccardo Targetti, procuratore della Repubblica di Milano facente funzione, secondo cui “Onorato ha richiesto a Grillo una serie di interventi a favore di Moby spa” che poi il co-fondatore del M5S avrebbe “veicolato a una serie di esponenti politici trasferendo quindi al privato richiedente le relative risposte”.

Il procuratore aggiunto di Milano Maurizio Romanelli e la pm Cristiana Roveda vogliono far luce sui soldi percepiti: sono legati alla prestazione descritta nel contratto pubblicitario oppure sono soldi per un’eventuale mediazione o aiuto al gruppo di navigazione in difficoltà? Sempre nel comunicato si legge che la società Beppe Grillo srl avrebbe “percepito da Moby spa 120mila euro annui negli anni 2018 e 2019, quale corrispettivo di un ‘accordo di partnership’ avente a oggetto la diffusione su canali virtuali di ‘contenuti redazionali’ per il marchio Moby”.

Check Also

Nervi tesi nel governo, Mario Draghi fa il fenomeno con i partiti: “Non metto a rischio la credibilità”

Di Tommaso Carta per Il Tempo Oggi in Consiglio dei ministri ci sarà l’informativa del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.