Home / NEWS / Bill Gates sempre più impunito! Lancia pubblicamente una nuova e inquietante profezia: “Dobbiamo prepararci alla prossima pandemia”

Bill Gates sempre più impunito! Lancia pubblicamente una nuova e inquietante profezia: “Dobbiamo prepararci alla prossima pandemia”

di Diego Fusaro per Radio Radio

È tornato a sermoneggiare l’immarcescibile Bill Gates, quello che per i giornali più o meno allineati, continua a figurare come un filantropo quando, lo sappiamo benissimo, si tratta di un esponente delle classi dominanti che ha un unico interesse, quello di mantenere l’interesse stesso delle classi dominanti.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

Proprio Bill Gates è tornato a farsi vivo. Ne dà notizia l’Ansa in data 16 gennaio 2022 con il seguente titolo: “Bill Gates: nell’Agenda 2030, prepararsi a prossima pandemia”. Bill Gates ha preso parola telematicamente all’EXPO di Dubai, al Forum sugli obiettivi globali di sviluppo. In particolare in relazione al tema degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030.

Sarebbe opportuno domandarsi: sostenibile per chi e a vantaggio di chi? Naturalmente il padronato cosmopolitico tende sempre a presentare come interessi universali, buoni per tutti, quelli che in realtà sono gli interessi propri del padronato cosmopolitico e che quindi si affermano proprio in grado tale da nuocere alla maggioranza della popolazione nel quadro di una società classista tale per cui l’interesse dei dominanti si fonda sul nocumento dei dominati.

Queste le parole testuali di Bill Gates: “Nella mia personale lista di obiettivi voglio aggiungere quella di far sì che il mondo sia preparato alla prossima pandemia“. Queste parole meritano una pur celere considerazione. Bill Gates non parla di fine della pandemia e ritorno alla normalità, di riconquista di una condizione di vita quale era quella pre-pandemica.

Il filantropo Bill Gates (come lo chiamerebbero i rotocalchi turbomondialisti) sta affermando che alla vecchia normalità non si tornerà dacché bisogna prepararsi a nuove epidemie, anzi a nuove pandemie, “alla prossima“, come lui stesso ha affermato.

Nihil novi sub sole, se come sappiamo il logo unico dominante va ripetendo a tambur battente che siamo entrati nell’epoca delle pandemie, che nuove e più letali pandemie ci attendono. E adesso, con le parole di Bill Gates, dobbiamo essere preparati alla prossima pandemia.

Due considerazioni soltanto vanno svolte su queste parole: in primis l’emergenza è la nuova normalità. Cosicché a quanti domandano quando torneremo alla nuova normalità, la risposta da dare è essenzialmente questa: per l’ordine dominante degli apolidi del capitalismo senza frontiere questa è la nuova normalità, sicché non si tratta di tornare a ciò che c’era prima ma di accettare con spirito di resilienza ciò che già c’è.
Se vogliamo però pensare dal nostro punto di vista dobbiamo dire che si tornerà alla vecchia normalità, superando questo stato surreale orwelliano, solo se sapremo opporre resistenza e non accettare con resilienza tutto ciò che sta accadendo.
In secondo luogo mi sia concesso rilevare il fatto che l’ordine del tecno-capitalismo farmaceutico si fonda su sempre nuove pandemie cosicché non si potrà tornare ad una nuova forma di normalità pre-emergenza, dacché l’emergenza stessa è la nuova normalità.

Il turbocapitalismo terapeutico ha bisogno di sempre nuove emergenze, dacché l’emergenza è il fondamento della sua nuova razionalità politica, sociale ed economica. Detto altrimenti, l’emergenza perpetua non è semplicemente un’emergenza epidemica ma un grande laboratorio di produzione di nuovi assetti sociali, politici ed economici.

Check Also

“I medici Ucraini scappati in Italia si devono vergognare” La dottoressa De Mari ancora una volta senza peli sulla lingua

La dottoressa Silvana De Mari è sospesa dall’esercizio della professione medica “per non aver ceduto al ricatto …

4 commenti

  1. Bill sta preparando la scusa per giustificare la prossima moria di sierati con la terza somministrazione. Semplice da capire. Sarà qualcosa che provoca trombosi ed emorragie. Già l’aveva prededdo lo stronzo dell’OMS.

  2. Fusaro è il classico intellettualoide italico: armiamoci e partite.
    Invitò ad andare a Chivasso a sostenere la Trotiera, aperta nonostante il regime-covid, ma di Fusaro manco l’ombra.
    A Fusaro piace Marx che infatti era una “supercazzola” vivente, un sorcio da biblioteca, finanziato dall’amichetto ricco: Marx non lavorò mai un’ora in vita sua.
    Questo regime è una OLIGARCHIA non un supercazzola, capitalistaturbo… già che “capitalista” non vuol dire NIENTE.
    Questa è una OLIGARCHIA, la DITTATURA dei MILIARDARI che vuole instaurare il COMUNISMO, dove il popolo non ha nulla ed è ridotto a sorci da laboratorio, mentre i miliardari hanno TUTTO e controllano TUTTO.
    Fusaro sei simpatico e tutto… ma ti mancano le [email protected]#.
    P.S.
    A Bill Gates ci penserà il Popolo americano: rozzi, ma tutti armati e consapevoli delle proprie libertà

  3. Per Re Patan, Di zio bill si è sempre saputo tutto, ma gli americani non hanno fatto niente fino ad adesso, Fusaro ci ha messo la faccia sin dall’inizio, cosa avrebbe dovuto fare è un filosofo ed ha fatto il filosofo egregiamente, cosa ti aspettavi che lanciasse le bombe che non ha.

    • Grazie per aver letto il mio post e premetto che le mie sono soltanto opinioni: non pretendo di aver ragione.
      Non sono un amante degli USA, ne degli ammerikani, ma, obbiettivamente hanno saputo esprimere dell’opposizione: Texas, Florida… ed ora la Virginia, sono Stati liberi dove è perfino vietato chiedere il certificato di inoculazione, in USA c’è una fronda repubblicana che sta facendo della vera opposizione, dunque il Popolo ha la sua sponda nei politici di vera opposizione e se ne sta tranquillo, per ora.
      Purtroppo qui in Italia non esiste un solo partito d’opposizione.
      Sul rapporto tra “pensiero e azione” s’è scritto molto, l’ultimo che mi viene in mente, fu Yukio Mishima che non tollerava più il solo scrivere, ma probabilmente esagerò, trovo più incisivo un D’Annunzio, che lanciò… volantini.
      Non ho scritto che Fusaro avrebbe dovuto fare il bombarolo, vile mestiere di servi anarchici e sbirri mascherati.
      Certo è che “Il coraggio, uno non se lo può dare”
      A Fusaro gli mancano… gl’attributi, non dico per lanciare volantini, ma per mangiare una fetta di torta a due passi da casa sua.
      Comunque Fusaro piace, anch’io lo leggo è acuto, ironico, mi irritano i termini “supercazzolamarxista” ma lo leggo.
      Fusaro piace anche all’Oligarchia: twitt censura chiunque, cancellò anche Trump, mentre era il Presidente in carica (!) ma non Fusaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.