Home / NEWS / “Porta problemi al sistema immunitario”: vaccino, la sconcertante ammissione. Al principale consulente di Figliuolo scappa la verità sui richiami

“Porta problemi al sistema immunitario”: vaccino, la sconcertante ammissione. Al principale consulente di Figliuolo scappa la verità sui richiami

La quarta dose di vaccino anti-Covid può attendere. A dirlo è addirittura Guido Rasi, consulente del commissario per l’emergenza Francesco Paolo Figliuolo ed ex direttore esecutivo dell’agenzia europea del farmaco Ema. Intervistato da Repubblica, l’immunologo ha infatti parlato così dell’ipotesi di una nuova somministrazione nel corso dei prossimi mesi: “Non direi che sia l’ora della quarta dose di vaccino anti-Covid. Non ha senso mantenere il sistema immunitario continuamente attivato”.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

Secondo Rasi “abbiamo una memoria che ci aiuta anche quando gli anticorpi calano. Forse non sarà in grado di evitare l’infezione, ma la malattia grave sì. In ogni caso non possiamo andare avanti con campagne vaccinali di massa ogni pochi mesi. Non è sostenibile. Bisognerebbe pensare a una risposta più strutturata”. Le parole dell’immunologo hanno però sollevato più di qualche, inquietante quesito, in relazione alle possibili conseguenze di troppe somministrazioni a distanza ravvicinata.

Rasi ha infatti spiegato: “Sappiamo bene dai vaccini che usiamo tradizionalmente che tre dosi consolidano la risposta della memoria immunitaria, e la realtà ce lo sta confermando. La quarta dose invece ci pone più domande che risposte. Sarà sicura, ma non è scontato che una stimolazione continua e ripetuta dopo un po’ non crei problemi al sistema immunitario”. Una frase, quest’ultima, che è tutta un programma.

Se non esclude la possibilità che troppe vaccinazioni a distanza ravvicinata possano creare problemi, per quale motivo il governo va avanti per la sua strada obbligando i cittadin i a vaccinarsi, senza fermarsi a porsi qualche domanda? E quel “dopo un po’” come può essere quantificato? I rischi sono solo in caso di quarta dose o ne stiamo già correndo dopo la seconda e la terza? Di fatto, il consenso “informato” che viene fatto firmare ai cittadini è soltanto uno scudo che mette lo Stato al riparo da qualsiasi conseguenza. La salute degli italiani, in questo valzer delle assurdità, viene evidentemente all’ultimo posto.

Check Also

“I medici Ucraini scappati in Italia si devono vergognare” La dottoressa De Mari ancora una volta senza peli sulla lingua

La dottoressa Silvana De Mari è sospesa dall’esercizio della professione medica “per non aver ceduto al ricatto …

5 commenti

  1. E questo sarebbe un esperto… che cambia opinione ogni due per tre….basta vedere cosa diceva ai primi di dicembre 2021….davvero non ho parole….e ci domandiamo perché il paese sia allo sbando…..

    • gente che risponte a comando, gli ordini vengono impartiti da fuori, sono pilotati come dei robottini telecomandati: la cosiddetta “cabina di regia” è in realtà qualcosa di molto temibile per loro, e non risiede in italia

    • Farà pari con quello che in 2 anni ci hanno rifilato i rappresentanti del farmaco in Italia, ovvero i governi Conte e Draghi. A mettere nero su bianco tutte le dichiarazioni c’è da sbudellarsi dal ridere se non fosse che invece bidsogna solo piangere!

    • Farà pari con quello che in 2 anni ci hanno rifilato i rappresentanti del farmaco in Italia, ovvero i governi Conte e Draghi. A mettere nero su bianco tutte le dichiarazioni c’è da sbudellarsi dal ridere se non fosse che invece bisogna solo piangere!

    • Bella paura della Democrazia, vero? Ops….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.