Home / NEWS / Green Pass totalmente abolito dal prossimo 26 gennaio: l’ennesima lezione che arriva dalla Gran Bretagna, unico bastione di libertà rimasto in occidente

Green Pass totalmente abolito dal prossimo 26 gennaio: l’ennesima lezione che arriva dalla Gran Bretagna, unico bastione di libertà rimasto in occidente

tratto da Libero Quotidiano

Boris Johnson fa ancora di testa sua e, dopo aver introdotto il Green pass prima di Natale, è pronto a revocarlo. Il certificato verde, va detto, era stato introdotto a Londra solo per l’accesso alle discoteche e ai grandi eventi, ma sarà con ogni probabilità abolito il 26 gennaio, quando il governo rivedrà le disposizioni in vigore contro il Covid. Nel mirino, sono le indiscrezioni del Corriere della Sera, ci finisce anche lo smart working. L’unica restrizione che dovrebbe rimanere invariata sarà l’uso delle mascherine al chiuso. 

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

Al Regno Unito il Green pass non è mai andato giù. Con l’annuncio del suo via libera il mese scorso, erano stati ben cento i deputati, tutti conservatori, a opporsi. La misura era infatti passata per il rotto della cuffia grazie ai laburisti (anche i liberal-democratici avevano votato contro). Complice, è l’analisi del Corsera, il fatto che il Regno Unito è un Paese in cui non esiste neppure la carta d’identità, anch’essa considerata una violazione della libertà individuale, e dove non ti chiedono di identificarti neppure quando vai a votare al seggio elettorale. Figuriamoci, dunque, come può essere presa l’introduzione di un pass per muoversi dentro e fuori le città e dentro e fuori le attività quotidiane.

A incentivare un nuovo allentamento delle misure contro il virus i numeri. Nella giornata di ieri, giovedì 13 gennaio, i i nuovi casi sono scesi sotto 120 mila e il numero dei ricoverati è calato a 16.700. Per questo, spiega una fonte al Times, “data la direzione in cui vanno i casi, sarà difficile giustificare la proroga del Green pass”. Non solo, perché tra le motivazioni della retromarcia di BoJo, l’indebolimento sul piano politico. Il premier è stato fortemente minato dalla gestione della pandemia e dagli ultimi scandali, il cosiddetto “Partygate” (qui quanto accaduto).

loading...

Check Also

“Non si premia col Quirinale uno che racconta balle” Maria Giovanna Maglie a testa bassa contro Draghi: solo lei poteva aver le palle per dirlo apertamente

Solo nella nazione di Pinocchio le bugie vengono premiate e così l’uomo che aveva convinto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *