Home / NEWS / “Chiediamo scusa per aver diffuso la propaganda di regime” Il grande quotidiano danese di scusa con i lettori per non aver messo in discussione le balle propinate per due anni

“Chiediamo scusa per aver diffuso la propaganda di regime” Il grande quotidiano danese di scusa con i lettori per non aver messo in discussione le balle propinate per due anni

dal blog di Maurizio Blondet

Un’importante confessione:

Ad agosto, il principale quotidiano tedesco, Bild, si è scusato per la copertura Covid guidata dalla paura dell’outlet – con un messaggio speciale ai bambini, a cui è stato detto “che avrebbero ucciso la nonna”.

Ora, un giornale in Danimarca si è scusato pubblicamente per aver riportato le narrazioni del governo sulla pandemia di Covid-19 senza metterle in discussione.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

Abbiamo fallito“, si legge nel titolo dell’articolo del tabloid Ekstra Bladet , che prosegue ammettendo che “Per QUASI due anni, noi – la stampa e la popolazione – siamo stati quasi ipnoticamente preoccupati dai dati quotidiani delle autorità sul coronavirus “).

Leggi il resto qui sotto:

ABBIAMO OSSERVATO le oscillazioni del pendolo numerico quando si trattava di contagiati, ricoverati in ospedale e morti per corona. E ci è stato dato il significato dei più piccoli movimenti del pendolo stabiliti da esperti, politici e autorità, che ci hanno costantemente avvertito del mostro corona dormiente sotto i nostri letti. Un mostro che aspetta solo che ci addormentiamo per poter colpire nell’oscurità e nell’oscurità della notte.

LA COSTANTE prontezza mentale ha logorato tremendamente tutti noi. Ecco perché anche noi, la stampa, dobbiamo fare il punto sui nostri sforzi. E abbiamo fallito.

NON SIAMO stati abbastanza vigili al cancello del giardino quando le autorità hanno dovuto rispondere a cosa significasse effettivamente che le persone sono ricoverate in ospedale con la corona e non a causa della corona. Perché fa la differenza. Una grande differenza. Esattamente, i numeri ufficiali dei ricoveri hanno dimostrato di essere del 27% superiori alla cifra effettiva di quanti ce ne sono in ospedale, semplicemente perché hanno la corona. Lo sappiamo solo ora.

CERTAMENTE , sono in primo luogo le autorità responsabili di informare la popolazione in modo corretto, accurato e onesto. I dati su quanti sono malati e morti di corona dovrebbero, per ovvi motivi, essere stati pubblicati molto tempo fa, quindi abbiamo ottenuto l’immagine più chiara del mostro sotto il letto.

IN TUTTO , i messaggi delle autorità e dei politici alle persone in questa crisi storica lasciano molto a desiderare. E quindi mentono come hanno cavalcato quando parti della popolazione perdono fiducia in loro.

UN ALTRO esempio: i vaccini sono costantemente indicati come la nostra “superarma”. E i nostri ospedali sono chiamati “superospedali”. Tuttavia, questi super-ospedali sono apparentemente sotto pressione, anche se quasi l’intera popolazione è armata con una super-arma. Anche i bambini sono stati vaccinati su vasta scala, cosa che non è stata fatta nei nostri paesi vicini.

IN ALTRE PAROLE, c’è qualcosa qui che non merita il termine ‘super’. Che si tratti dei vaccini, degli ospedali o di un misto di tutto questo, è l’offerta di ogni uomo. Ma almeno la comunicazione delle autorità alla popolazione non merita in alcun modo il termine di ‘super’. Anzi.

* * *

Altre testate giornalistiche avranno l’integrità giornalistica per seguire l’esempio? Forse le valutazioni della CNN non sarebbero diminuite del 90% rispetto allo scorso anno nella fascia demografica chiave da 25 a 54 anni se avessero semplicemente ammesso la loro complicità nello sputare senza fiato propaganda del governo.

loading...

Check Also

Bill Gates sempre più impunito! Lancia pubblicamente una nuova e inquietante profezia: “Dobbiamo prepararci alla prossima pandemia”

di Diego Fusaro per Radio Radio È tornato a sermoneggiare l’immarcescibile Bill Gates, quello che per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *