Home / NEWS / Enrico Mentana, doppio fallimento in pochi giorni! Leccare il regime gli costa caro: il suo sito sta fallendo e il Tg non lo guarda più nessuno

Enrico Mentana, doppio fallimento in pochi giorni! Leccare il regime gli costa caro: il suo sito sta fallendo e il Tg non lo guarda più nessuno

Pessime notizie in arrivo per Enrico Mentana: conduttore del TG su La7, il giornalista aveva annunciato la creazione di una testata online nel 2018, ma sembrerebbe che entrambi i suoi piani di lavoro stiano crollando a picco.

Un progetto editoriale nuovo, con l’ambizione di andare oltre il giornalismo tradizionale, così Mentana aveva definito il nuovo giornale “Open”. Nelle ultime ore, però, alcuni preoccupanti indiscrezioni avrebbero fatto vacillare il giornalista.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

Nelle ultime ore, sono tornate a circolare con insistenza alcune indiscrezioni riferite alla scorsa estate: si parla di dettagli preoccupanti circa le sorti della testata fondata da Enrico Mentana. “Conti in rosso e tre giornalisti in meno”, si legge su Twitter. L’analisi giornalistica, fatta da ADGinforma, ha aperto a spiragli preoccupanti sul futuro di Open, testata diventata punto di riferimento dell’opinione generalista negli scorsi mesi.

Alcuni utenti hanno persino ipotizzato una possibile chiusura dello stesso giornale: ”All’epoca era ancora uno che ogni tanto faceva qualche critica, adesso è super allineato, peggio di tutti gli altri, così commenta un utente la notizia.

Come se non bastasse, Enrico Mentana ha ricevuto un’ennesima batosta nelle ultime ore: lo share del TG7, infatti, ha subito una notevole riduzione di ascolti.
”Gli ascolti del Tg7 delle 20:00 si sono ridotti di 70mila unità, scrive Fabio Dragoni, nota penna de La verità e spesso ospite su La7.

Il mondo del web ha commentato la notizia spendendo parole molto dure nei confronti del TG“Ed è ancora poco! Devono chiudere e cambiare lavoro, hanno messo in croce milioni di italiani e hanno parlato sempre e solo della stessa cosa a tutte le ore!!”, scrive un utente. Situazione disastrosa, dunque, quella che pare vedere il giornalista protagonista. Come si evolverà la vicenda? Aspettiamo ulteriori notizie al riguardo.

Check Also

“Gli Usa vogliono scatenare la guerra” Blocco di Kaliningrad, l’ambasciatore italiano lancia la sacrosanta accusa: “Il Pentagono dietro la folle decisione della Lituania”

“Siamo a un passo dall’entrare in guerra”. Goffredo Buccini, giornalista del Corriere della Sera, lancia l’allarme …

5 commenti

  1. E pensare che una volta lo guardavo pure il TG La7 di sera….negli ultimi due anni è diventato VOMITEVOLE e mi rendo conto cosa voglia dire una testata di regime….sto leggendo il libro “la figlia del Reich”….sembra di fare un salto indietro di 90 anni, le stesse dinamiche…tutti questi canali sono inguardabili e seminatori d’odio, LA7, Rete 4 (a parte Giordano) direi quasi senza ombra di dubbio i peggiori in assoluto….anche se anche gli altri no comment. Relativamente a Mentana OSCENO e gli auguro di tutto cuore che gli torni indietro con gli interessi tutto quello che sta seminando e pertanto…ODIO ELEVATO A POTENZA. Che brutta persona….

  2. Mentana mi ha sempre causato conati di vomito…

  3. Sic Transit gloria mundi

  4. Ho avuto modo di commentare diverse volte le notizie di Open. Una mistificazione della realtà dopo l’altra al fine di seminare odio che non serve a nessuno ma anzi inasprisce gli animi in una fase così delicata della nostra storia. Ho segnalato spesso la sua pagina per istigazione all’odio ma nulla è stato fatto. Le persone aizzate in quel modo commentavano di istinto tiravano fuori le peggiori cattiverie che si potessero legger. Alla fine, esasperata, ho deciso non solo di non alimentare più con i miei interventi la popolarità delle loro notizie, ma proprio di bloccare la pagina proprio per non dover più assorbire così tanta rabbia e cattiveria. Credo che tutti dovrebbero fare così, in modo che quanto questa persona in totale mala fede ha seminato, possa tornargli indietro. Se un giornalista vuole essere credibile prima di tutto dovrebbe essere imparziale e cercare di raccontare e non di mistificare i fatti per altre finalità.

  5. Viene il tempo della verità ed è tempo che alcuni media, questo in prima linea, siano chiusi e rispondano dell’odio e delle falsità perpetrate nel corso dei mesi. Se non lo faranno davanti ad un tribunale dovranno farlo davanti alla loro coscienza. Certo, gli è dovuta la dignità di esseri umani, ma nulla di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.