Home / NEWS / Obbligo di vaccino, Draghi e Speranza denunciati presso il tribunale di Roma: è stato chiesto il ricorso d’urgenza

Obbligo di vaccino, Draghi e Speranza denunciati presso il tribunale di Roma: è stato chiesto il ricorso d’urgenza

Oggi il Partito Libertario ha depositato l’atto di citazione con ricorso d’urgenza al Tribunale di Roma contro il Presidente del Consiglio, il Consiglio dei Ministri e il Ministro della Salute per fare dichiarare l’illiceità costituzionale e sotto il profilo del diritto europeo della dichiarazione dello stato di emergenza, del green pass rafforzato e dell’obbligo vaccinale.

Hanno proposto l’azione numerosi cittadini, tra i quali tutti i dirigenti del Partito Libertario, nonché l’Associazione di tutela dei diritti del cittadino “Diritto e Mercato”, presieduta dall’Avv. Fabio Massimo Nicosia, presidente altresì del Partito Libertario.

Scavalca la censura di regime. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

L’atto è stato predisposto dall’Avv. Nicosia insieme ai difensori Avv.ti Francesco Giunta e Salvatore Ceraulo, a loro volta dirigenti del Partito Libertario.

Con questo atto, si praticano le strade giuridiche più aggiornate e innovative in materia di illeceità costituzionale, secondo un orientamento giurisprudenziale recentissimamente ribadito dalla Corte di Cassazione a Sezioni Unite, orientamento che consente, insieme all’invocazione della violazione del diritto eurounitario, di evitare la strettoia dell’elevazione della questione di costituzionalità, al fine di fare dichiarare immediatamente l’illegalità degli atti impugnati.

Si è denunciata in particolare la persecuzione del gruppo sociale “non vaccinati”, in atto da mesi da parte dei vertici istituzionali e dei mass-media filo-governativi, ai sensi dell’art. 7 dello Statuto della Corte Penale Internazionale, il quale include tali persecuzioni tra i “Crimini contro l’umanità”.

Si è sottolineata l’illegalità dell’attuale dichiarazione di stato di emergenza per scadenza dei termini ultimi, stante anche la dichiarata rivendicazione del governo del potere, del tutto abusivo, di proclamare stati di emergenza a piacere, al di fuori di alcuna previsione costituzionale o normativa.

Si è denunciata l’illegalità del meccanismo estorsivo, per il quale si sottraggono diritti umani e fondamentali ai cittadini, per poi graziosamente “restituirglieli” per il caso che accettino di vaccinarsi, anche contro coscienza e volontà, subendo la minaccia.

Si è denunciata la ripetuta violazione del principio di uguaglianza e di non discriminazione, nonché la totale assenza dei presupposti previsti dalla stessa Corte Costituzionale, per potersi procedere all’obbligo vaccinale, stante l’inefficacia dimostrata dei vaccini e la grande quantità di reazioni avverse denunciate al sistema dell’eurovigilanza.

Si è evidenziato come anche solo i 16 morti, di cui l’AIFA ha riconosciuto la correlazione vaccinale, sono sufficienti a negare legittimità giuridica e morale a qualsiasi costrizione vaccinale, di fatto o formale.

Si è inoltre sottolineato come la necessità di prescrizione medica, prevista per questi vaccini, contrasti radicalmente con l’idea stessa che essi possano essere resi obbligatori, così come si sono lamentate le numerose violazioni dei principio del cosiddetto “consenso informato”, che, per la precisione, è “consenso libero e informato”, quando questa “libertà” di coscienza è sistematicamente violata dal sistema di minacce posto in essere dai decreti-legge impugnati e, in particolare, dal meccanismo del green pass rafforzato.

loading...

Check Also

Quirinale, dalle parole di Sgarbi pare stia per sgonfiarsi la candidatura Berlusconi: il problema adesso è come gestire il fallimento dell’intera operazione

Si è autodefinito “l’acchiappa farfalle” di Berlusconi. Telefona e, se nessun risponde, telefona ancora. Vittorio Sgarbi, da …

9 commenti

  1. E vediamo cosa risponderà il Tribunale di Roma…sono proprio curioso di vedere….la nostra Costituzione è sempre la più bella del mondo o l’abbiamo relegata ad un tappetino per il bagno?

  2. DRAGHI & SPERANZA = ASSOCIAZIONE a DELINQUERE, due ESTORSORI al pari di TOTÒ RIINA che mandava i suoi picciotti a taglieggiare gli esercenti ed a quelli che rifiutavano di pagare il pizzo, gli poneva davanti al negozio uno dei suoi ceffi con la funzione di scoraggiare l’ingresso dei clienti … NON ti VACCINI ??? NON LAVORI e dunque NON CAMPI.

  3. Mi auguro che questo vada a buon fine al più presto!!!! Quanta gente ha pagato e sta pagando a causa di questi delinquenti??? Basta è ora di riavere la nostra libertà ed il rispetto della costituzione

  4. trattato di Oviedo

  5. Questi Delinquenti hanno violato costituzione italiana e tutti i trattati internazionali che riguardano la sperimentazione sugli esseri umani. Il codice di Norimberga prevede la legge marziale per i crimini contro l’umanità che stanno commettendo da troppo tempo ormai, Spero che in futuro vengano applicate le pene previste, e che non vada a finire a tarallucci e vino, come si usa in italy

  6. fateli marcire in prigione questi pezzi di M….hanno violato la costituzione italiana!!!!
    oppure se si vuole violare del tutto come fanno loro dateceli in mano a noi che facciamo la cosa giusta!

  7. Vermi, NON CI VACCINEREMO MAI. PAGHERETE CARO PAGHERETE TUTTO INFAMI. Vi tireremo giù col piombo a breve

  8. Io forse riesco a far ottenere l’esenzione per mio marito, legge 104 cerebroleso ed epilettico grave, con reazioni folli rispetto i farmaci somministrati dal neurologo. Stasera chiamo il neurologo e vediamo, a pagamento, ovvio. Per me stessa ho intolleranze da 14 anni a detersivi, detergenti, deodoranti etc. etc., rischiano di uccidermi col vaccino, se succede qualcosa a me mio marito non è in grado di fare nulla da solo, in più mi muoiono 30 animali… E sarò in mano ad un coglione di dottore per cui sei solo un numero che decide della mia vita… Pagherò la multa o la impugnerò. Sono tutti esseri spregevoli che giocano sulla vita della gente. E’ una vergogna, bisognerebbe poter usare la ghigliottina o l’impiccagione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *