Home / NEWS / Djokovic, colpo di scena! Dopo le proteste dei leccapiedi della puntura il presidente Australiano pretende di fare il fenomeno: non è detto che una volta arrivato lo facciano entrare
Novak Djokovic of Serbia celebrates after winning the match against Cameron Norrie of England at the Nitto ATP Finals in Turin, Italy, 19 November 2021.ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

Djokovic, colpo di scena! Dopo le proteste dei leccapiedi della puntura il presidente Australiano pretende di fare il fenomeno: non è detto che una volta arrivato lo facciano entrare

Djokovic agli Australian Open diventa un caso di stato: “Senza vaccino bloccato al confine”
ll governo federale ha fatto sapere di poter bloccare gli ingressi per gli arrivi internazionali dei non vaccinati, Djokovic può essere bloccato alla frontiera.

Novak Djokovic giocherà gli Australian Open, lo farà grazie a una esenzione medica. Questa è la notizia, ed è una notizia che da martedì fa discutere in ogni angolo del mondo, non solo quelli che amano o seguono il tennis. Il numero 1 ATP è diventato popolarissimo. Le polemiche si sprecano. Perché gli organizzatori già nei mesi scorsi avevano spiegato che chi non era vaccinato non avrebbe potuto giocare il primo torneo Slam del 2022, e invece non è così. Djokovic viaggiando verso Melbourne ha iniziato concretamente a pensare alla difesa del suo titolo, ben sapendo che si sarebbero scatenate numerose polemiche, anche tanti tennisti lo hanno attaccato, come l’ex numero 1 Murray, Tommy Paul, Sandgren, De Minaur e l’altro Murray, Jamie: “A me l’esenzione non l’avrebbero data”. Ma comunque non è così scontato che il serbo possa liberamente girare per l’Australia, c’è il rischio infatti che venga stoppato all’arrivo.

Check Also

Gigino non solo ha rubato a Conte i parlamentari: si porta a casa anche una valanga di milioni (ovviamente nostri) che erano destinati al gruppo Cinquestelle

CON LA SCISSIONE LUIGI DI MAIO SFILA A GIUSEPPE CONTE 4 MILIONI DI EURO Franco …

4 commenti

  1. Ha fatto una figura di merda e sicuramente non giocherà….anche i migliori fanno cagate….e si è “bruciato” l’immagine e anche il pubblico, sia pro vaccino che contro il vaccino…..veramente una pessima decisione quella di cercare di forzare la sua partecipazione….

    • voler giocare il torneo come tutti gli altri sarebbe una pessima scelta? i danni della propaganda sono davvero micidiali. e pensare che quando lanciavano banane dagli spalti ai calciatori si gridava allo scandalo. un simbolo di difesa della libertà di scelta che viene visto in quel modo è la rappresentazione della globalizzazione a i massimi livelli che vuole distruggere ogni forma di dissenso, anche quello che riguarda la salvaguardia del proprio corpo

      • Forse non si è capito bene il senso….io a giorni avrò un Green Pass essendo prossimo a chiudere la quarantena da NON vaccinato. Ma non per questo poi dirò, che bello…adesso posso andare al cinema, ristorante, bar perché ho la tessera nazista….NO, io non andrò per principio perché fino al momento in cui verrà ritirata questa disposizione liberticida e dittatoriale io NON mi adeguerò a questo sistema marcio. Djokovic, non partecipando a questo torneo (e magari molti altri giocatori come lui) avrebbe mandato un segnale fortissimo a livello mediatico di NON adeguamento a un sistema MARCIO fino all’osso. Cercando la scappatoia ha, di fatto, riconosciuto questo sistema e solo perché è lui si è arrivati al compromesso, credo che difficilmente il numero 30 del mondo sarebbe riuscito ad ottenere lo stesso trattamento. Sei contrario alla vaccinazione? OK, e allora sappi dire e dimostrare….IO NON CI STO

  2. La mia interpretazione: Djokovic, avrebbe potuto benissimo tornare in Serbia farsi fare un falso attestato di “inoculazione” e non avere rogne.
    Invece ha scelto di svelare al Mondo che l’Occidente è comandato dai miliardari, che i politici sono i loro servi.
    Infatti, il Governo australiano, forse il più fanatico-covid, ha fatto marcia indietro, su ovvio ordine dei miliardari che altrimenti avrebbero perso milioni.
    Ora i vessatissimi cittadini australiani, hanno una ragione in più per essere certi di non vivere in una democrazia, ma in una oligarchia (Platone docet).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.