Home / NEWS / Strage di Bergamo, Speranza stavolta deve dimettersi: il retroscena dal Palazzo dopo le parole contro di lui del Procuratore che lo sta indagando

Strage di Bergamo, Speranza stavolta deve dimettersi: il retroscena dal Palazzo dopo le parole contro di lui del Procuratore che lo sta indagando

Inizia a circolare sempre più velocemente la voce di possibili dimissioni da parte del ministro Speranza, travolto dall’inchiesta della Procura di Bergamo. “Il ministro Speranza non ha raccontato cose veritiere, anche questo dovremo valutare”, ha detto infatti Antonio Chiappani, titolare dell’inchiesta, contattato dal quotidiano Domani. Le dichiarazioni rilasciate dal ministro della Salute Roberto Speranza durante la sua audizione davanti ai pm, dunque, non sono state veritiere. L’inchiesta, annunciano i procuratori che lavorano al fascicolo, dovrebbe concludersi a breve, forse già tra qualche settimana. E se dovesse arrivare un avviso di garanzia al ministro che sta continuando a disporre della vita degli italiani limitando addirittura le loro libertà? 

Come racconta Affari Italiani, “mentre l’Italia e il mondo intero sono alle prese con la nuova variante Omicron, emergono nuovi retroscena sull’inchiesta del tribunale di Bergamo, che indaga sulle mancate zone rosse nella Bergamasca (Nembro e Alzano) all’inizio della pandemia, la politica si interroga e in Parlamento sono in molti a chiedersi che cosa accadrebbe nel caso in cui un avviso di garanzia arrivasse al titolare della Salute. A fare le barricate uscendo allo scoperto è Stefano Fassina, deputato di Leu e collega di partito di Speranza”.

L’economista di sinistra dichiara categorico ad Affaritaliani.it: “Dimissioni per un avviso di garanzia? Follia giustizialista”. Dal Partito Democratico e dal Movimento 5 Stelle, alleati di Leu, nessuno parla a microfono acceso ma da fonti qualificate di entrambi i partiti il segnale che arriva è quello della massima prudenza. “Certo, dipenderebbe dalle accuse, ma tendenzialmente lo difenderemmo”, spiegano sia dal Nazareno sia dal movimento guidato da Giuseppe Conte. Per quanto riguarda Forza Italia, la parola d’ordine in questi casi è il garantismo, chiunque sia il politico interessato. 

Check Also

“Gli Usa vogliono scatenare la guerra” Blocco di Kaliningrad, l’ambasciatore italiano lancia la sacrosanta accusa: “Il Pentagono dietro la folle decisione della Lituania”

“Siamo a un passo dall’entrare in guerra”. Goffredo Buccini, giornalista del Corriere della Sera, lancia l’allarme …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.