Home / NEWS / Ravenna, GreenPass falso per medici e infermieri delle malattie infettive: se lo hanno rifiutato loro il vaccino. Un motivo ci sarà
RAVENNA: INTERROGATORIO DOTTOR PASSARINI 15-11-2021---FOTO FIORENTINI

Ravenna, GreenPass falso per medici e infermieri delle malattie infettive: se lo hanno rifiutato loro il vaccino. Un motivo ci sarà

Altri cinque green pass sequestrati. Consentivano a un medico del reparto infettivi dell’ospedale di Ravenna e ad altri quattro infermieri di continuare a lavorare senza essere sospesi. Sommati a quelli requisiti ad altri due dottori già individuati, fanno salire a sette il totale dei sanitari ravennati ai quali Mauro Passarini, medico vaccinatore convenzionato con l’Ausl, avrebbe fatto ottenere il certificato verde sulla base di vaccini anti Covid mai somministrati. I loro nomi sono sbucati dall’elenco dei pazienti, assistiti e non, che il medico di base 64enne di Marina di Ravenna avrebbe registrato come coperti dal siero contro il virus della SarsCov2 tra settembre e novembre. Il suo arresto, con l’accusa di peculato, falso ideologico e corruzione (per essersi fatto pagare in cambio della finta dose), ha fatto scattare i sequestri disposti d’urgenza dal sostituto procuratore Angela Scorza. Agli iniziali 79, nel corso delle indagini condotte dalla Squadra Mobile si sono quindi aggiunti quelli di 5 ulteriori sanitari.

L’infettivologo e i 4 infermieri

Non è un medico qualsiasi quello al quale gli inquirenti hanno in queste ore tolto il certificato vaccinale. Si tratta di un infettivologo del “Santa Maria delle Croci”. Una figura dunque di alto livello, dipendente dell’azienda sanitaria che finora avrebbe continuato a muoversi in un reparto estremamente delicato, con una copertura ritenuta dalla Procura quantomeno dubbia. Un potenziale rischio che riguarderebbe anche un’infermiera (una in particolare tra i quattro destinatari del nuovo sequestro), attualmente in servizio nell’unità di Terapia intensiva cardiologica. C’è poi un infermiere professionale, un’ostetrica del consultorio e infine un’altra collega dipendente dell’Ausl di Ravenna.

loading...

Check Also

“Speranza ha testimoniato il falso” Strage di Bergamo, il procuratore capo lancia una vera e propria bomba contro l’infame parassita rosso

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, è finito nell’inchiesta sulla gestione della prima ondata Covid in Lombardia e il procuratore capo di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *