Home / NEWS / “Ancora aspettiamo la lista delle patologie per l’esonero dal vaccino”. La denuncia dell’ex primario Giovanardi smaschera una volta di più la malafede della feccia di Governo

“Ancora aspettiamo la lista delle patologie per l’esonero dal vaccino”. La denuncia dell’ex primario Giovanardi smaschera una volta di più la malafede della feccia di Governo

di Gianluigi Paragone

L’ex primario del Pronto soccorso di Modena, il dottor Daniele Giovanardi, entra a gamba tesa sulla modalità di gestione della campagna vaccinale e soprattutto sul tema relativo alle patologie che dovrebbero consentire l’esonero dal vaccino anti-Covid. Sentito dalla redazione de La Pressa, Giovanardi ha tuonato: “Parlo da medico nell’interesse dei malati. Riporto integralmente le parole del dottor Giovanni Rezza, direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute, il 4 agosto 2021. In sintesi il dottor Rezza si impegna a consegnare ai medici vaccinatori una nutrita lista di patologie che controindicano le vaccinazioni a soggetti fragili e che comportano l’esenzione…”. 

“A titolo esemplificativo – sottolinea Giovanardi che ricorda che la lettera è datata agosto 2021 (e siamo già a metà novembre, ndr) – ne indicava alcune: allergia a componenti del vaccino, sindrome di Guillaime-Barre’, pericarditi e miocarditi post vaccinali, specificando che questo era un piccolo riassunto in attesa di una allargata e definitiva. Nella stessa circolare dava via libera alla vaccinazione di donne gravide e in allattamento specificando che la Pfizer non aveva condotto nessuno studio su donne gravide e per questo motivo non erano emerse controindicazioni”. 

Giovanardi a questo punto evidenzia il grande intoppo e lancia l’allarme: “La lista definitiva delle patologie da esonerare non è mai arrivata ai centri vaccinali. La parola d’ordine è quindi vaccinare tutti coloro che non rientrano nei 4 casi citati come esempio (come confermato dalla circolare Federazione Nazionale Medici di Famiglia Fimg dell’11-10-21)”. Ad oggi, quindi, i vaccinatori continuano a inoculare il vaccino senza sapere se le eventuali patologie da cui sono affetti i cittadini che si recano negli hub sono da considerarsi passibili di esonero oppure no. Ogni volta, dunque, è un tentativo. Se il cittadino la sfanga, bene. Se ci lascia le penne, pazienza. 

loading...

Check Also

“Non si premia col Quirinale uno che racconta balle” Maria Giovanna Maglie a testa bassa contro Draghi: solo lei poteva aver le palle per dirlo apertamente

Solo nella nazione di Pinocchio le bugie vengono premiate e così l’uomo che aveva convinto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *