Home / NEWS / Firenze, migliaia e migliaia le donne contro il Green Pass alla manifestazione organizzata dalla vice Questore Schilirò
NUNZIA ALESSANDRA SCHILIRO’ VICE QUESTORE

Firenze, migliaia e migliaia le donne contro il Green Pass alla manifestazione organizzata dalla vice Questore Schilirò

Sono arrivate da tutta Italia per partecipare al presidio organizzato al Piazzale Michelangelo. L’obbligo della mascherina ha creato un po’ di malumore

Sono tante, alla fine circa 6 mila. Hanno raggiunto il piazzale Michelangelo da tutta Italia nonostante il maltempo per partecipare al presidio indetto dal gruppo “Venere vincerà”. Tra i promotori della manifestazione c’è Nunzia Alessandra Schilirò, poliziotta e vicequestore a Roma, che a metà ottobre è stata sospesa dal servizio dopo aver espresso posizioni contro l’obbligo del Green Pass. Il passaparola era partito da giorni sui social, con esplicita richiesta agli uomini di restare a casa.

Un appuntamento che vuole ridare valore al ruolo femminile all’interno della società dopo i mesi di pandemia. Si parla di amore, energia e spiritualità. Tuttavia nel gruppo emergono anche altri messaggi: c’è esplicita contrarietà ad esempio verso il certificato verde e le vaccinazioni sui bambini. Si vuole “far cadere un pezzo di quella narrazione distorta che ci affligge negli ultimi tempi”, spiegano. E la semplice indicazione di indossare la mascherina ha sollevato nelle chat numerosi dissapori: molte iscritte si sono lamentate, interpretandola come una decisione finalizzata anche a limitare la protesta.

“Siamo qui – spiega Schilirò – per motivi molto semplici: no Green Pass all’obbligo vaccinale, libertà per tutti, rispetto delle norme costituzionali e giù le mani dai bambini”. Schilirò da quando è stata sospesa ha cominciato a diffondere tramite la sua pagina Facebook  e una chat su Telegram con 77mila persone, le sue teorie che uniscono forza femminile a riflessi No Vax. Sul palco dopo le iniziali difficoltà a causa della pioggia che manda in crisi gli amplificatori, la musica non cambia: la vicequestore attacca il governo, “Criminalizzano il dissenso, le persone devono svegliarsi” ed etichetta il vaccino “un siero sperimentale non sicuro”. Tra la folla di piazzale Michelangelo, blindata da un nutrito spiegamento di forze dell’ordine, si registra una totale assenza di mascherine e distanziamento, numerosi invece gli striscioni che alludono alla “dittatura sanitaria” e tanti cori contro la vaccinazioni ai bambini. I manifestanti si sono riversati anche lungo la strada e nella collinetta accanto al punto panoramico, rallentando la circolazione delle macchine e mandando in tilt il traffico, con lunghe code.

Il Green Pass, è “antigiuridico, atiscientifico e illogico”, ha detto ancora Schilirò, e “potrebbe portarci a un modello di società identico a quello cinese”, che funziona con i crediti sociali, con i cittadini divisi tra “buoni”, che sono quelli che seguono gli ordini del potere e i “cattivi cittadini”, con aspirazioni di libertà e che “perdono i punti” e quando arrivano a zero “non hanno più accesso a niente” neanche al conto corrente.

loading...

Check Also

“Non si premia col Quirinale uno che racconta balle” Maria Giovanna Maglie a testa bassa contro Draghi: solo lei poteva aver le palle per dirlo apertamente

Solo nella nazione di Pinocchio le bugie vengono premiate e così l’uomo che aveva convinto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *