Home / NEWS / Draghi, la voce è confermata: ha i giorni contati! La maggioranza sta davvero per saltare

Draghi, la voce è confermata: ha i giorni contati! La maggioranza sta davvero per saltare

“I ben informati sostengono che Mario Draghi stia per perdere la pazienza tante sono le interferenze dei partiti nell’attività del governo che infatti sta rallentando la sua azione propulsiva su alcuni dei dossier economici più delicati e importanti”. Inizia così l’analisi di Alessandro Sallusti, direttore di Libero, in merito alle voci che impazzano negli ultimi giorni sui malumori del presidente del Consiglio. Il giornalista fa una previsione secca su quello che sarà il futuro: “Draghi non ha esaurito il suo enorme ascendente e per il momento la situazione resta sotto il suo controllo. Ma alla lunga le cose potrebbero cambiare come è nel destino dei governi nati fuori dalle urne su una emergenza che di solito è economica e in questo caso pure sanitaria. Lo spartiacque sarà a gennaio, che in politica è domani, quando si saprà se ci saranno le condizioni per eleggere Draghi al Quirinale. Se così fosse, per certi versi liberi tutti e l’attuale e innaturale maggioranza avrebbe i giorni contati”.

Cosa bisogna attendersi se si concretizzasse questo scenario: “Vedremo – evidenzia Sallusti – al momento giusto se il tutto accadrà per morte della legislatura e quindi ci sarà il ritorno al voto anticipato o attraverso qualche strana alchimia tipo i giochi di prestigio che abbiamo visto negli ultimi quattro anni. Ma se così non fosse, se cioè Draghi per scelta o per mancanza di alternativa dovesse rimanere premier allora dimentichiamoci la pace politica, che al netto di qualche scaramuccia più ad uso mediatico che di sostanza abbiamo visto dal suo insediamento a Palazzo Chigi fino ad oggi. Draghi si troverebbe infatti a governare un anno nel pieno di una feroce e lunga campagna elettorale (elezioni alla scadenza naturale del marzo 2022) senza avere un suo esercito parlamentare schierato a protezione e in balìa delle risse e degli sgambetti tra i leader dei vari partiti”.

“Anche il migliore dei generali, e lui lo è, non può – afferma Sallusti – farcela a resistere senza truppe per un periodo così lungo, periodo nel quale, almeno ci auguriamo, sarà finita l’emergenza Covid che in fondo è il vero spauracchio che ha messo a cuccia i partiti. Basterà il cuscinetto tra Draghi e la politica dei ministri, alcuni dei quali anche influenti, che ovviamente e legittimamente proveranno a mantenere lo status quo? Dubito”.

loading...

Check Also

Nuova variante, ci siamo! Con il primo caso si inizia a terrorizzare i boccaloni di tutta Italia

Si tratta di un cittadino campano di ritorno dall’Africa australe. De Luca: “Adottate tutte le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *