Home / BENESSERE / “Se va bene, dura al massimo tre mesi” La copertura del vaccino è ridicola: lo studio dell’Università di Oxford parla chiaro

“Se va bene, dura al massimo tre mesi” La copertura del vaccino è ridicola: lo studio dell’Università di Oxford parla chiaro

tratto dal sito di Radio Radio

Un recente studio svolto dall’Università di Oxford ha preso in considerazione la contagiosità di persone vaccinate e non vaccinate contro il Covid-19. I numeri mostrano che il vaccino riduce in media del 50% la possibilità di contagiare per la variante Delta. Si tratta di un buon dato dal punto di vista medico, ma bisogna tener presente che la riduzione della possibilità del contagio è del 50% e dunque non viene azzerato totalmente il pericolo di contagiare, bensì ridotto.

Un aspetto fondamentale in tale studio è quello relativo alle tempistiche. Dopo 12 settimane dalla vaccinazione, ovvero 3 mesi, non vi è più alcuna differenza nella trasmissione della variante Delta tra vaccinati e non vaccinati. Vaccinati e non vaccinati, dunque, risultano essere assolutamente uguali soltanto 3 mesi dopo l’inoculazione.
L’assunto principale su cui si regge il Green Pass – ovvero che i vaccinati non contagiano – non trova dunque riscontro nel mondo scientifico. Il commento del dottor Marco Cosentino, farmacologo, a ‘Un Giorno Speciale’.

La scorsa settimana ho parlato in Senato di uno studio ed è stato contestato che questo non sia stato sottoposto a valutazione tra pari. Questo lavoro è alla base della mia relazione. Un’altra questione preliminare è che noi siamo intrappolati in un cortocircuito politicamente stabilito tra il tema della certificazione verde e quello della vaccinazione. Che poi il decisore politico sia imbarazzato di fronte all’adozione di questo strumento e voglia trovare una ragione di natura medico-scientifico, è comprensibile. Questa ragione medico-scientifica però è flebile e non regge. Non si tratta di dire che i vaccini non funzionano: abbiamo una documentazione chiara sui benefici di questo prodotto. Abbiamo però il dovere di parlare anche dei limiti.

Il vaccino riduce il rischio di malattia, però quando parliamo dobbiamo inserire sia la dimensione dell’intensità dell’effetto che non è al 100% anche se è un’ottima cosa avere a disposizione un prodotto del genere. C’è anche una durata temporale. La durata dell’effetto sul rischio di sviluppare malattia ha una durata di 5-6 mesi in media. La durata dell’effetto sulla riduzione di contagiarsi è inferiore: i contagi in soggetti vaccinati possono intervenire anche precocemente. Questi vaccini sono efficaci in condizione di distanziamento con le mascherine e tutte le altre cautele. Non sappiamo cosa potrà succedere senza queste misure. Abbiamo delle evidenze: lo studio citato ci dice qualcosa sul tema di contagiarsi e contagiare. Questo è un primo studio che attende conferme e verifiche ma è uno studio solido in Gran Bretagna, che ci dice che sul tema dei fattori associali sul rischio di contagiare altri, che la vaccinazione ha una sua utilità per un periodo di 2-3 mesi dal completamento del ciclo. Anche nel momento migliore però questa riduzione non va mai a zero. Allora non è zero e non dura più di quel tanto. Fondare tutto sulla vaccinazione e dire che post vaccinazione si è in una bolla che garantisca rispetto al fatto di non contagiarsi e contagiare, è assolutamente antiscientifico“.

loading...

Check Also

Nuova variante, ci siamo! Con il primo caso si inizia a terrorizzare i boccaloni di tutta Italia

Si tratta di un cittadino campano di ritorno dall’Africa australe. De Luca: “Adottate tutte le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *