Home / BENESSERE / L’alimento che spazza via il virus e il ruolo del nostro intestino: clamorosamente Pregliasco invece di menarla con i vaccini descrive una ricerca che pare funzioni per davvero

L’alimento che spazza via il virus e il ruolo del nostro intestino: clamorosamente Pregliasco invece di menarla con i vaccini descrive una ricerca che pare funzioni per davvero

Nel latte di mucca un’arma contro il Coronavirus? Ne è convinto il virologo Fabrizio Pregliasco, che commenta i risultati di una ricerca pubblicata dalla rivista Gut microbes e di cui lo stesso direttore sanitario dell’Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano èuno degli autori. “La lattoferrina, una proteina naturale presente nel latte bovino, in combinazione con uno specifico probiotico, Lactobacillus paracasei DG, contenuto nel prodotto Enterolactis, potrebbe contribuire alla prevenzione del Covid-19 e alleviare i sintomi associati all’infezione. I dati che emergono da uno studio in vitro sulla lattoferrina sono molto interessanti”, spiega all’agenzia Adnkronos Salute.

Nello studio, a cui hanno partecipato le Università di Padova e Milano, sono stati indagati gli effetti immunitari antivirali e l’attività anti Sars-CoV-2 di tre ceppi probiotici di Lacticaseibacillus (L. paracasei DG, L. rhamnosus GG, L. paracasei LPC-S01), da soli o in combinazione con la lattoferrina in vitro, utilizzando una linea cellulare epiteliale intestinale Caco-2, che esprime il recettore Ace2. L’intestino, infatti, rappresenta un altro organo bersaglio virale che supporta la replicazione di SarS-CoV-2. L’infezione da SarS-CoV-2 si diffonde principalmente attraverso droplets (goccioline) e secrezioni respiratorie, tuttavia “il tratto intestinale – spiega Pregliasco – potrebbe essere un altro potenziale canale di infezione, e in circa il 17% dei casi i sintomi respiratori sono associati a disordini gastrointestinali. Questi dati suggeriscono che il tratto gastrointestinale potrebbe essere una locazione di attività e replicazione virale”, sottolinea il professor Pregliasco.

I probiotici agiscono “sia sul sistema immunitario innato – ribadisce Pregliasco – sia su quello acquisito e hanno il potenziale per ridurre la severità delle infezioni nel tratto gastrointestinale e in quello delle alte vie respiratorie. Esplicano la loro attività antivirale grazie a un’interazione diretta con il virus, la produzione di metaboliti antivirali, la stimolazione della risposta dell’interferone di tipo I e la produzione di anticorpi contro il virus. Il potenziale dei probiotici nel ridurre il rischio e la severità delle infezioni virali del tratto respiratorio sono anche supportati da studi clinici e sperimentali su influenza, rinovirus e virus respiratorio sinciziale. Finora questi effetti non erano stati testati sul Covid-19, ma alcuni probiotici avevano dimostrato un’attività antivirale verso altri coronavirus. La lattoferrina, sostanza di derivazione naturale, ha mostrato effetti antivirali, immunomodulanti e antinfiammatori, per cui la nostra ipotesi, confermata dallo studio, riguardava la possibile sinergia tra probiotico e lattoferrina”.

loading...

Check Also

Green pass falsi? Centinaia di migliaia di persone possono esserne in possesso! Solo adesso si sono accorti che sono state rubate le “chiavi europee”

Scoperta una enorme falla nel sistema dei Green pass europei, ma soprattutto italiani: qualcuno ha …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *