Home / NEWS / Stroncata a 24 anni mentre si appresta a fare le prove di danza. Abbiamo perso il conto dei nostri giovani ai quali scoppia il cuore all’improvviso

Stroncata a 24 anni mentre si appresta a fare le prove di danza. Abbiamo perso il conto dei nostri giovani ai quali scoppia il cuore all’improvviso

La tragedia di Arianna stroncata da un malore a Torino dopo le prove di danza

Prima una sessione di danza e allenamenti con un gruppo di amiche, come faceva quasi ogni sera. Poi una cena fuori e il ritorno a casa, in centro a Torino. Vicino al portone, però, ha perso i sensi: subito, l’allarme al 112. Un’ambulanza l’ha portata al Pronto soccorso dell’ospedale Mauriziano, dove era di nuovo cosciente e ha risposto con lucidità alle domande dei medici. Poi un nuovo improvviso malore, finché il suo cuore si è fermato: «Arresto cardiaco».

Si svolgeranno sabato 18 settembre, alle 11,30, i funerali di Arianna Dalmasso, la  studentessa universitaria di Fisica, 24 anni, stroncata da un malore improvviso martedì notte, a Torino: è morta all’ospedale Mauriziano e non aveva patologie pregresse note. Dopo l’autopsia disposta dalla Procura di Torino, la cerimonia funebre si svolgerà nel piazzale del rosario di fronte al Santuario della frazione di Fontanelle di Boves.

Arianna lunedì sera aveva partecipato a una sessione di danza e allenamenti con un gruppo di amiche, come faceva quasi ogni sera, poi una cena fuori e il ritorno a casa, in centro a Torino. Ma sul portone di casa si è sentita svenire e ha perso i sensi. Dopo la chiamata al 112 l’ambulanza l’ha trasportata al Pronto soccorso dell’ospedale Mauriziano, dove era di nuovo cosciente e ha risposto con lucidità alle domande dei medici. Poi un nuovo malore, finché il suo cuore si è fermato.

loading...

Check Also

Infermiera sospesa e in attesa di ulteriori punizioni: ha osato partecipare alla manifestazione di Trieste contro il Green Pass

Una vita passata ad aiutare i pazienti che lottano tra la vita e la morte, …

Un commento

  1. che cosa triste…. una giovane vita spezzata… e leggiamo purtroppo sempre più spesso di un giovane cuore che cede.
    questa giovane ragazza, come tutti i ragazzi, voleva frequentare amici e andare con loro in palestra ad allenarsi e sicuramente ha dovuto piegarsi e alle imposizioni sanitarie;
    mi auguro con tutto il cuore che questo evento sia estraneo e non associato alla eventuale (e obbligatoria) vaccinazione, perché al solo associare gli eventi tremo; leggo queste notizie e come ogni genitore tremo, tremo per i miei figli e i miei nipoti perché anche loro (solo) per continuare la loro attività di studio e le normali attività quotidiane che tutti i giovani amano svolgere si sono resi disponibili al vaccino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *