Home / NEWS / Tamponi, multe e conseguenze sul lavoro: cosa succede se ti ribelli: roba da fare passare per agnellini i peggio dittatori sudamericani

Tamponi, multe e conseguenze sul lavoro: cosa succede se ti ribelli: roba da fare passare per agnellini i peggio dittatori sudamericani

Il green pass sarà obbligatorio per tutti i lavoratori. Da metà ottobre infatti – presumibilmente dal 15 – su tutti i posti di lavoro, pubblici e privati, sarà necessario mostrare il certificato verde. I sindacati e la Lega avevano chiesto tamponi gratuiti ma se li ritroveranno a prezzi calmierati. Quello che i sindacalisti hanno ottenuto dal governo è l’impegno di garantire una norma che non permetterà i licenziamenti e una parentesi di quindici giorni circa in cui i tamponi non dovrebbero essere a pagamento, in modo da consentire a chi vuole di vaccinarsi.

Dopo queste due settimane i tamponi costeranno 15 euro. Dovendone fare uno ogni 48 ore, per un lavoratore non immunizzato il costo sarebbe a conti fatti di circa 150 euro al mese. Da metà ottobre, dunque, chi non sarà vaccinato, chi non avrà un tampone effettuato massimo due giorni prima, o chi non sarà guarito dal Covid, non potrà accedere al proprio luogo di lavoro. Oggi 16 settembre in mattinata, ci sarà la cabina di regia e nel pomeriggio il Cdm che estenderà il green pass, senza distinzione, a tutto il pubblico e alla quasi totalità del privato.

Il testo del decreto non è completo. Secondo quanto riporta La Stampa si lavora a includere commercianti e studi professionali, in modo da escludere dal green pass solo gli autonomi che lavorano per conto proprio e senza contatti personali. Dovranno averlo sempre con sé invece i dipendenti di ristoranti, musei, cinema, teatri, palestre e piscine, quei settori dove è già richiesto ai clienti, come stabilisce il decreto di fine luglio che ha ottenuto la fiducia al Senato.

I dipendenti senza certificato avranno – pare – cinque giorni per mettersi in regola. Per i trasgressori scatteranno multe da 400 a mille euro e sospensioni disciplinari. Resta l’ipotesi dell’aspettativa non retribuita, che potrebbe scattare al quinto giorno di assenza per chi non ha il certificato. 

loading...

Check Also

Ilaria Capua ha superato tutti nel ridicolo: descrive la terza dose al pari di un orgasmo

Cosí il sito di propaganda Fanpage riporta la notizia che la sedicente esperta ha provato …

Un commento

  1. Un vaccinato contagia tanto quanto un vaccinato, se io sono obbligato a fare i tamponi, voglio che anche il collega vaccinato, che potrebbe contagiarmi, sia sottoposto a tampone!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *