Home / NEWS / Io, medico sospeso perché non mi vaccino, vi spiego come vi stanno truffando davanti ai vostri occhi

Io, medico sospeso perché non mi vaccino, vi spiego come vi stanno truffando davanti ai vostri occhi

lettera inviata all’agenzia La Presse

Caro direttore,
ho visto quanto scritto dal dottor Daniele Giovanardi recentemente e non posso che concordare con lui, sia per i contenuti che per la pacatezza e chiarezza dell’esposizione. Io sono un Medico Chirurgo di Modena, specialista in Odontoiatria, attualmente sospeso dall’Ordine su segnalazione Asl per non aver ottemperato l’obbligo vaccinale.

Proprio per questo, per onestà intellettuale, non mi addentrerò in problematiche mediche, essendo sospeso, ma vorrei che il lettore ponesse l’accento insieme a me sulle tante bugie che ci sono state dette e oramai inconfutabili.
Il virus è nato nel mercato di Wuhan: falso. Con ogni probabilità è nato in un laboratorio, nessuno dice per quali scopi, lascio alla vostra immaginazione. In un attimo si è poi diffuso in tutto il mondo per la sua alta contagiosità. Occorre ricordare le parole di Speranza all’epoca, febbraio 2020, secondo il quale l’Italia era tra ‘i primi Paesi al mondo come servizio sanitario e cure all’avanguardia’. Falso e si è visto. Parallelamente nella prima fase della pandemia sono state vietate le autopsie, fuori da ogni logica, poichè per accertare cause di decesso sono la prima cosa da fare.

Preoccupante poi l’uso dei media che hanno diffuso una informazione corale e uniforme, mai successo da quando esistono radio e Tv. E così un premio Nobel che si è permesso di dire che in corso di pandemia non si vaccina mai perché si possono creare delle varianti, è stato etichettato come rincoglionito per l’età. Eppure la sua previsione è puntualmente successa e non è un caso.
Se poi un povero medico di campagna, De Donno, trovava una cura a basso costo e veniva deriso, una umiliazione talmente profonda da averlo poi portato a togliersi la vita. Un tragico deja vu di quanto successe con Di Bella 30 anni fa, ricordate le somatostatine che poi hanno usato in molti?

Un’ultima cosa che riguarda noi medici e anche i nostri pazienti: nel marzo 2020 ci sono stati dati dei DPI, dispositivi protezione individuale, assolutamente sicuri che permettevano a noi operatori e ai nostri pazienti di non infettarsi se venivano usati correttamente. Quando sono usciti i vaccini improvvisamente questi DPI non erano più sufficienti e il vaccino è divenuto obbigatorio. Ora delle due l’una: o quei dispositivi non sono mai stati sicuri oppure oggi continuano a rappresentare una valida alternativa al vaccino. Spero che qualche giudice attento faccia la sua parte perché le ASL o mentivano prima o mentono ora. Spero che queste poche righe spronino i lettori a riflettere. Molti dicono che non farsi il vaccino equivale a passare con il rosso, a me sembra che, per le persone sane, fare il vaccino sia un rischio alto, considerata la percentuale di eventi avversi più o meno gravi. Per questo, poichè io sono privo di patologie, ho deciso di non vaccinarmi, mi proteggo adeguatamente e da quasi due anni cerco di migliorare le mie difese immunitarie per alleviare le conseguenze del virus qualora ne venissi in contatto.
Dottor Marco Maggi

loading...

Check Also

Ilaria Capua ha superato tutti nel ridicolo: descrive la terza dose al pari di un orgasmo

Cosí il sito di propaganda Fanpage riporta la notizia che la sedicente esperta ha provato …

Un commento

  1. Concordo con il medico, e altri come lui compresi alcuni Virologi seri e non mediatici da presenza TV ecc vedi il Sig Burioni e altri che dicevano che da noi non sarebbe mai arrivato Italia rischio zero vedi Bergamo. Ma purtroppo anche se non obbligatorio lo fai per poter lavorare e proseguire la vita pseudo sociale con limitazione delle libertà, e il Governo non si assume la responsabilità di farlo diventare obbligatorio e questo è già la dice lunga su questi vaccini. Io anni fa ho fatto il vaccino a militare perché obbligatorio che dicevano proteggesse da più infezioni, e quello contro il colera negli anni 70 scoppiato a Napoli, ma purtroppo questo essendo un corona virus come dicono gli esperti muterà cambierà per difendersi e noi continueremo a vaccinarci?
    E inoltre le persone che denigrano un grande come Montagnier purtroppo il covid le ha colpite al cervello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *