Home / DIVERTIMENTO / Primo giorno di scuola di una classe di terza media in Italia. Il professore di italiano fa l’appello e poi chiede quanti sono i vaccinati

Primo giorno di scuola di una classe di terza media in Italia. Il professore di italiano fa l’appello e poi chiede quanti sono i vaccinati

Primo giorno di scuola di una classe di terza media in Italia.

Il professore di italiano fa l’appello e poi chiede quanti sono i vaccinati.

Risposta: tutti tranne cinque.

Pierino non pervenuto.

Allora il prof si rivolge a Pierino, l’unico a non aver risposto né sì né no.
Professore: “Pierino perché non ti sei vaccinato?”.

Pierino: “Non ho mai detto di non essermi vaccinato, professore”.

Prof: “Ma non hai alzato la mano, quando ho chiesto chi sono i vaccinati!”.

Pierino: “Se è per questo, non ho alzato la mano neanche quando ha chiesto chi sono i non vaccinati”.

Prof.: “Allora deciditi: sei vaccinato oppure no? Perché – se non lo sei – per colpa tua e dei tuoi cinque compagni là in fondo, tutta la classe dovrà tenere la mascherina”.

Pierino: “Veramente, prof, dovremo tenere tutti la mascherina per colpa di una legge stupida, non per colpa nostra.
Non l’abbiamo scritta mica noi la legge. Semmai l’hanno scritta dei parlamentari che molto probabilmente lei ha votato. Quindi è, semmai, colpa sua, mica nostra”.

Prof. “Pierino, mi fai perdere la pazienza. Perché sarebbe una legge stupida? Tutela la vostra salute”.

Pierino: “Perché la mascherina potremmo già togliercela tutti: i vaccinati perché non hanno nulla da temere, essendo vaccinati, giusto?
I non vaccinati perché i ragazzi della nostra età non hanno praticamente nulla da temere dal Covid”.

Prof.: “E va bene. È una legge stupida, ma giusta perché vi spinge alla vaccinazione”.

Pierino: “Cioè mi sta dicendo che – secondo lei e quelli che lei ha votato – convincere i ragazzi a vaccinarsi
perché altrimenti potrebbero essere presi in giro, emarginati o addirittura bullizzati dagli altri compagni è una cosa giusta?”.

Prof.: “Pierino, mi mandi ai matti. Rispondi alla mia domanda!”.

Pierino: “Confermo la mia risposta prof. Non le dirò né si ne no.

Se io non avessi fatto il vaccino perché non posso, dipenderebbe dalle mie condizioni di salute e non vorrei che gli altri lo sapessero.

Si chiama privacy.

Se io non avessi fatto il vaccino perché non voglio, non vorrei essere giudicato per questo dai miei compagni,
né essere bombardato dalle pressioni dei prof, come lei, per tutto il resto dell’anno.

Se, invece, io avessi fatto il vaccino, non vorrei, per questo motivo, far sentire in colpa i compagni che non possono né vogliono farlo.

In ogni caso, io voglio essere amico di tutti i miei compagni.

Non voglio essere giudicato o escluso per non aver fatto il vaccino.

E non voglio essere complice di chi ha scritto una legge così idiota, solo per aver fatto il vaccino”.

Prof.: “Va bene. Allora rimettete tutti la mascherina e apriamo il libro di educazione civica a pagina quattro :

Articolo 13 della Costituzione: la libertà personale è inviolabile

Stay tuned 🩸
Resistenza per la Libertà

loading...

Check Also

La riconoscete? A 41 anni ha ancora un fisico statuario e continua a turbare il sonno degli italiani

Le vacanze in Salento sono finite, e Maddalena Corvaglia dà l’addio all’estate con un ultimo tuffo in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *