Home / STORIE DI SPORT / Juventus nei guai: Ronaldo va al Manchester City. Pronto per lui l’ennesimo stipendio da nababbo

Juventus nei guai: Ronaldo va al Manchester City. Pronto per lui l’ennesimo stipendio da nababbo

Tutto pronto per l’addio di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Le indiscrezioni che arrivano da Torino sembrano confermare quanto strillato nelle ultime ore dalla stampa britannica. L’agente di CR7, il potentissimo Jorge Mendes, intorno alle 11 ha lasciato l’hotel in cui alloggiava per recarsi a un faccia a faccia con i dirigenti bianconeri. Sul tavolo l’ipotesi, sempre più concreta. di divorzio tra le parti. Dietro ci sarebbe il Manchester City. In ballo due questioni: lo stipendio milionario del 36enne portoghese e la contropartita richiesta dalla Juve. Per non fare minusvalenza (sanguinosa, visto lo stato finanziario del club), Andrea Agnelli e Pavel Nedved chiedono 28 milioni di euro. Tanto, troppo considerando l’età di Ronaldo ma soprattutto il fatto che il suo contratto scade nel 2022.

Per questo il City vuole inserire delle contropartite tecniche: dopo il brasiliano Gabriel Jesus, attaccante, oggi il tabloid Sun fa i nomi del centrocampista anche lui portoghese Bernardo Silva (già accostato al Milan) e del difensore Aymeric Laporte. Difficile che la Juve accetti, perché poi resterebbe con un grosso buco nel reparto offensivo. Ma Ronaldo farebbe leva sull’accordo già raggiunto col City, che secondo Sky Sports Uk sarebbe pronto a pareggiare lo stipendio da nababbo percepito a Torino, ovvero 31 milioni di euro. Forte di questa garanzia, CR7 sarebbe pronto a fare pressione sui dirigenti. Di questo ha parlato Mendes nel suo blits a sorpresa di mercoledì, quando è andato a fare visita a Cristiano nella sua mega-villa sulle colline torinesi.

loading...

Check Also

Lutto nello sport, il campione ha perso la partita contro la malattia. Ha scritto pagine indelebili

Lutto nel mondo dello sport. Pochi mesi aveva festeggiato i suoi 60 anni. Il “Gigante …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *