Home / BENESSERE / “Farà emergere nuove varianti” Le polemiche sulla terza dose ancora una volta danno ragione alle teorie del Nobel Montagnier

“Farà emergere nuove varianti” Le polemiche sulla terza dose ancora una volta danno ragione alle teorie del Nobel Montagnier

Terza dose sì, anzi no, forse. Il balletto intorno alla possibilità di una nuova somministrazione di vaccino anti-Covid per tutti è già iniziato, con il governo italiano che si è subito schierato su posizioni favorevoli, con il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri che ha anche già fissato in rosso la prima data sul calendario: “Siamo pronti, a ottobre si parte”. Fuori dai confini nazionali, però, c’è qualcuno che ha già iniziato a tirare il freno, ennesimo segno che le certezze in merito all’efficacia degli attuali farmaci non siano poi così tante.

"Favorirà l’emergere di nuove varianti": l'allarme dell'Oms

Durante una recente conferenza stampa Soumya Swaminathan, chief scientist dell’Organizzazione Mondiale per la Sanità, ha detto per esempio: “Al momento i dati non indicano il bisogno di una terza dose”. Secondo l’esperta, una nuova somministrazione potrebbe rivelarsi addirittura controproducente: “”Ci opponiamo fermamente alla terza dose per tutti gli adulti nei paesi ricchi, perchè non aiuterà a rallentare la pandemia. Togliendo dosi alle persone non vaccinate i booster favoriranno l’emergere di nuove varianti”.

Una posizione condivisa anche da un altro esperto dell’Oms, Bruce Aylward, un altro esperto dell’Oms. “Ci sono abbastanza vaccini per tutti, ma non stanno andando nel posto giusto al momento giusto. Due dosi devono essere date ai più vulnerabili in tutto il mondo prima che i richiami vengano dati a chi ha completato il ciclo, e siamo ben lontani da questa situazione”. Parole arrivate poco dopo l’annuncio del presidente Usa Joe Biden del piano americano per la terza dose, pronto a partire dal 20 settembre.

A conferma di quanto i vaccini diano poche garanzie nella lotta al Covid, ecco i dati provenienti nelle scorse ora da Israele, uno dei Paesi che per primo ha puntato sulla vaccinazione di massa della popolazione: i casi gravi hanno superato le 600 unità, con 4 nuovi morti che hanno portato complessivamente i decessi a 6.726. Le nuove infezioni registrate sono state 7.856, con un tasso ora al 5,5%.

loading...

Check Also

Stato d’emergenza, il “cavillo” per non farlo terminare mai: così lo prolungheranno a piacimento scavalcando la legge

tratto da Libero Lockdown duro, mascherine, guanti, chiusure, riaperture e poi di nuovo chiusure con …

Un commento

  1. Carmine Andrea Caruso

    Sileri anche se smetti di fare politica, i familiari dei morti o malati ti ammazzano lo stesso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *