Home / NEWS / Green Pass bocciato ed eliminato dopo soli 5 giorni! È bastato un solo ricorso al giudice di Tenerife per ritenerlo anti costituzionale

Green Pass bocciato ed eliminato dopo soli 5 giorni! È bastato un solo ricorso al giudice di Tenerife per ritenerlo anti costituzionale

Il tribunale fa cadere l’obbligo del documento per entrare nei bar, ristoranti, musei o palestre.

tradotto da canarias7.es

La Corte Superiore di Giustizia delle Isole Canarie (TSJC) ieri ha sospeso in via precauzionale alcune delle nuove misure appena entrate in vigore al livello 4 di allerta sanitaria . Nello specifico, la presentazione del certificato covid per accedere all’interno di ristoranti, palestre o spazi culturali . Inoltre, rifiuta la chiusura al livello 4 dalle ore 0,00 alle ore 6.00 di tali stabilimenti. E modifica il limite di capienza indoor nei ristoranti, che eguaglia al 50% l’alta corte ai livelli 3 e 4 e lo eleva al 55% negli spazi culturali o sportivi al livello 4. 33%), cosa che ha notato anche il portavoce del governo, Julio Pérez, che ha lasciato intendere che le misure del 3 sarebbero state modificate.

È la terza volta in questo mese che il TSJC annulla una delle misure proposte dal governo delle Canarie per contenere la quinta ondata in cui sono precipitate le isole dalla fine di giugno e, in particolare, l’isola di Tenerife. Ha già respinto la restrizione di capacità al livello 3 quando Tenerife è salita al semaforo sanitario, e ha anche respinto il coprifuoco per le isole di livello 4, ordinanza che l’Esecutivo delle Canarie ha fatto appello alla Corte Suprema e ha perso.Thanks for watching!PUBLICIDAD 

Le vetture rilasciate ieri dal TSJC rispondono alle richieste del Círculo de Empresarios y Profesionales del Sur de Tenerife e dell’Asociación Hostelería Unida Tenerife. L’Alta Corte apprezza l'”urgenza” indicata da entrambi gli enti e, pertanto, decide di rispondere “prontamente” con una “pronunzia provvisoria, per cui applica le misure cautelari sospensive di alcuni dei provvedimenti contenuti nella delibera che la Giunta Consiglio il 23 luglio e che sono stati pubblicati questo lunedì nella Gazzetta Ufficiale delle Isole Canarie.

A parere dei magistrati della seconda sezione della Camera del Contenzioso Amministrativo del TSJC presso la sua sede di Santa Cruz de Tenerife, chiedere ai cittadini di entrare in strutture ricettive, culturali o sportive per il certificato covid ¬in cui viene raccolto Se il proprietario ha il programma vaccinale completo, ha avuto la malattia meno di sei mesi fa o ha fatto un test PCR meno di 72 ore fa con esito negativo, si tratta di collocare i gestori dei locali come “controllori della sanità pubblica”. Questa circostanza sembra all’Alta Corte “davvero controversa”, tra l’altro perché chi deve richiedere tale certificato, a sua volta, non sa se è vaccinato o meno perché il vaccino non è obbligatorio. Ma, in più, capita di “invadere il campo della privacy personale”regolato nella Costituzione “che comprende le informazioni relative alla salute fisica e mentale delle persone”. Il TSJC cita anche la Corte europea dei diritti dell’uomo, che ha insistito “sull’importanza dei dati sanitari per la vita privata”.

Per questo motivo il TSJC non consente, almeno a titolo precauzionale, che il certificato covid debba essere esibito negli esercizi ricettivi per accedere al loro interno. Julio Pérez, ha ricordato ieri però che da molti mesi un certificato di questo tipo è richiesto per entrare attraverso porti e aeroporti e anche per soggiornare negli hotel delle isole.

Check Also

“Gli Usa vogliono scatenare la guerra” Blocco di Kaliningrad, l’ambasciatore italiano lancia la sacrosanta accusa: “Il Pentagono dietro la folle decisione della Lituania”

“Siamo a un passo dall’entrare in guerra”. Goffredo Buccini, giornalista del Corriere della Sera, lancia l’allarme …

2 commenti

  1. Bravi i giudici spagnoli, i nostri dormono.

  2. Alessandra Gottard

    Altro che i nostri magistrati! Complimenti alla magistratura spagnola che non è corrotta come la nostra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.