Home / NEWS / Green Pass ferma tutto: lede i diritti fondamentali del popolo dei trans. Ecco a voi la follia del giorno

Green Pass ferma tutto: lede i diritti fondamentali del popolo dei trans. Ecco a voi la follia del giorno

Il Green pass potrebbe rappresentare un problema per LGBTQ+? “Lungi da me ogni vicinanza con i no vax, ma per come è stato pensato abbiamo un problema. Le persone transgender dovranno mostrare un Qr code che rimanderà alle informazioni anagrafiche, cosa che causa molto disagio”,in quanto rivela il sesso di nascita. A parlare è Christian Cristalli, presidente e cofondatore di Gruppo trans Bologna. La questione è infatti oggetto di dibattito, ed è stata discussa nella giornata di ieri, mercoledì 29 luglio 2021, durante una commissione consigliare del Comune di Bologna, richiesta dai consiglieri di Coalizione civica Emily Clancy e Federico Martelloni. 

“Il Green pass rivelerà il dato anagrafico in tutti i luoghi in cui sarà richiesta la certificazione”, sottolinea Cristalli. “Dobbiamo lavorare in sinergia con istituzioni e associazioni, per creare ambienti e misure inclusive. Vorrei ricordare che il nostro Paese, stando ai dati forniti da Ilga (l’associazione internazionale lesbiche, gay, bisex, trans e intersex ndr.) recentemente ha subito uno scivolone nella classifica di quelli considerati friendly”, ha concluso Cristalli. Durante la commissione si è sollevato poi un altro grande problema che riguarda i seggi elettorali, dove transgender non hanno vita facile. 

“Ogni volta che c’è un’elezione, soprattutto negli ultimi anni, bisogna verbalizzare con chi presiede i seggi la necessità che la fila per il voto non sia divisa in uomini e donne, ma per lettera del cognome. Ciò dà la possibilità alle persone transgender di affrontare con serenità il voto”, ha spiegato Emily Clancy. “La divisione per lettera del cognome – prosegue – avviene già in alcuni Comuni della nostra provincia. Questa misura permetterebbe l’esercizio del diritto fondamentale del voto alle persone transgender, senza che subiscano pressioni psicologiche o discriminazioni”, all’interno dei seggi elettorali. 

loading...

Check Also

Piero Fassino rinviato a giudizio: a suo carico pesantissime accuse inerenti il periodo nel quale fu Sindaco di Torino

GIUSEPPE LEGATO per www.lastampa.it Per il giudice Ersilia Palmieri Fassino non aveva (con dolo) partecipato all’escamotage …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *