Home / NEWS / Tour de France, trovata e arrestata la spettatrice-killer: ecco cosa rischia

Tour de France, trovata e arrestata la spettatrice-killer: ecco cosa rischia

È stata individuata e arrestata la spettatrice che aveva provocato una maxi-caduta nella tappa inaugurale del Tour de France. La donna per mostrare un cartellone ha colpito un ciclista, innescando una carambola pericolosissima. Era sparita dai radar da 4 giorni. Ecco cosa rischia, e a quali sanzioni va incontro.

La “caccia” è finita. La spettatrice che ha provocato la maxi-caduta in occasione della prima tappa del Tour De France è stata individuata, arrestata e posta sotto la custodia della polizia a Landernau. La donna era sparita da 4 giorni, dopo che era stata un’inchiesta su quanto accaduto per “lesioni non intenzionali con incapacità non superiore a 3 mesi”. Potrebbe essere stato fondamentale l’aiuto alla gendarmeria del Finistère di alcuni testimoni, dopo l’appello lanciato dalle autorità. Rischia una multa di 1500 euro e una sanzione più pesante nel caso in cui l’unico ciclista ritiratosi dopo la caduta decidesse di sporgere denuncia.

Sabato pomeriggio, una spettatrice ha rischiato di causare un terribile incidente. La donna, in occasione della prima tappa, a bordo strada ha tentato di mostrare in diretta TV un cartello di cartone con una scritta. Lo stesso ha colpito il corridore tedesco Jumbo-Visma,  Tony Martin che è caduto, innescando una carambola incredibile. Tanti i ciclisti finiti a terra, per una scena che ha fatto il giro del mondo, indignando tutti gli appassionati. Nonostante tutto, solo un ciclista ha rimediato danni gravi, il tedesco Jasha Sütterlin (DSM), che è stato costretto a ritirarsi.

La direzione del Tour de France ha deciso di prendere immediati provvedimenti, denunciando la responsabile dell’accaduto. Anche la gendarmeria del Finistère ha deciso di aprire un’inchiesta giudiziaria per “lesioni involontarie  con incapacità non superiore a tre mesi per violazione manifestamente deliberata di un obbligo di sicurezza o di prudenza”. Inoltre era stato anche lanciato un appello, affinché gli altri tifosi presenti nella zona dessero particolari sulla spettatrice, letteralmente sparita dai radar.

Come riportato da Rtl però oggi è arrivata la svolta, con la fuga della donna che si è conclusa dopo 4 giorni. La spettatrice è stata arrestata e messa sotto custodia a Landernau. Rischia, nonostante tutto, una multa di “soli” 1500 euro, una cifra non altissima in proporzione a quello che avrebbe potuto causare con il suo gesto pericoloso e scellerato. La sanzione però potrebbe aumentare nel caso in cui, il povero Jasha Sütterlin, ovvero l’unico ciclista che ha pagato dazio nella caduta con il ritiro dovesse sporgere denuncia.

loading...

Check Also

Piero Fassino rinviato a giudizio: a suo carico pesantissime accuse inerenti il periodo nel quale fu Sindaco di Torino

GIUSEPPE LEGATO per www.lastampa.it Per il giudice Ersilia Palmieri Fassino non aveva (con dolo) partecipato all’escamotage …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *