Home / NEWS / Zangrillo rilancia la campagna contro le mascherine all’aperto: non servono e fanno male

Zangrillo rilancia la campagna contro le mascherine all’aperto: non servono e fanno male

Alberto Zangrillo ha deciso di fare incazzare gli oltranzisti della mascherina all’aperto pubblicando su Twitter un selfie en plein air in mezzo al verde, senza indossare dispositivo di protezione individuale. Non pago, ha corredato il tweet di provocatoria didascalia: «Outdoor mode for sane people», modalità all’aria aperta per persone sane di mente. La fotografia ha sollevato il prevedibile vespaio di polemiche che ha visto contrapposti i sostenitori di Zangrillo, contrari alla mascherina all’aperto, e gli ultrà del «fine mascherina: mai».

La battaglia di Zangrillo contro la mascherina all’aperto

La battaglia del direttore della terapia intensiva del San Raffaele di Milano contro l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto è cosa nota. E del resto non è l’unico: anche Vittorio Sgarbi si è più volte fatto alfiere di questa causa ribadendo l’inutilità del provvedimento. Perché persino il ministro Speranza lo ha dovuto ammettere: all’aperto ci si contagia più difficilmente rispetto al chiuso.

Mascherina in mezzo ai boschi? Patologia psichiatrica

«Quando sono in montagna su un sentiero in mezzo ai boschi e vedo una persona in lontananza con la mascherina penso che stia sviluppando una patologia psichiatrica», aveva dichiarato senza mezzi termini Zangrillo nel corso di una puntata di L’aria che tira. «Convivere col virus significa comportarsi con intelligenza e avere rispetto e responsabilità nei confronti degli altri. I giovani devono comportarsi con intelligenza, ma mentre parliamo ci sono migliaia di anziani terrorizzati, tramortiti, non escono di casa da 15 mesi. Se vedo una persona da sola sul Lungotevere alle 6 del mattino, mi viene da dire: ‘poveretta’», aveva commentato. 

«Se è sola alle 6 o alle 7 del mattino perché dovrebbe mettere la mascherina? Perché l’ha sentito dire in televisione? Mettiamo la mascherina quando entriamo in farmacia, in banca, al lavoro. Altrimenti, no. E’ la differenza -ha concluso- tra essere un popolo di beoti e un popolo di persone responsabili. Probabilmente facciamo più presa se pensiamo di controllare un gregge di beoti, io mi aspetto molto di più dai miei concittadini».

loading...

Check Also

Zero persone al comizio! Record mondiale di Enrico Letta: ecco la città che li ha completamente snobbato

 (ANSA) – “La destra sta sbagliando tutto a livello nazionale con Salvini e Meloni. Salvini …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *