Home / NEWS / Marco Baldini, nuovi guai con gli usurai: questa volta era una pericolosa banda di Palermo

Marco Baldini, nuovi guai con gli usurai: questa volta era una pericolosa banda di Palermo

Marco Baldini è finito di nuovo nella rete di una banda di usurai, il cui capo era Salvatore Cillari, fratello di un boss all’ergastolo. Tale organizzazione per anni ha prestato soldi a tassi che arrivavano anche al 140 per cento: tra le decine di vittime imprenditori, professionisti, antiquari e nomi eccellenti dello spettacolo, come appunto quello di Baldini. Tra l’altro il vero smacco di Cillari, che è finito in carcere (mentre il figlio Gabriele è stato messo ai domiciliari), è che riciclava i soldi intascati con l’usura in un locale alla moda nel quartiere Capo, a pochi metri di distanza dal palazzo di giustizia di Palermo.

È inoltre stato sequestrato anche il ristorante L’Acerba: della banda di usurai facevano pare anche Matteo Reina e Giovanni Cannatella (entrambi agli arresti domiciliari) e Achille Cuccia (al quale è arrivato il divieto di dimora a Palermo). L’organizzazione operava appunto tra il capoluogo siciliano e Roma, dove Cillari era di casa, come emerso dalle intercettazioni delle conversazioni a tratti drammatiche che aveva avuto con Baldini. 

Il conduttore radiofonico era finito nella rete degli strozzini tra il 2017 e il 2018. “Com’è finita Marco co ‘sti soldi? Manco una lira”, dichiarava Cillari. “Domani ci vediamo, stai tranquillo”, rispondeva Baldini. Il quale però non riusciva a saldare il debito e continuava a essere incalzato dal capo della banda di usurai. “Venerdì vengo a Roma”, faceva con tono minaccioso. L’organizzazione criminale avrebbe erogato circa 150mila euro di prestiti nei confronti di decine di persone. 

loading...

Check Also

Myrta Merlino è riuscita a superare ogni limite: senza vergogna alcuna è arrivata a negare che il GreenPass discrimina chi rifiuta il vaccino

Di Diego Fusaro Il miglior modo per sanificare, come oggi è in voga dire, la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *