Home / NEWS / Piacenza, drammi autostrada: furgone si schianta contro Tir. Almeno 5 le vittime

Piacenza, drammi autostrada: furgone si schianta contro Tir. Almeno 5 le vittime

Un gravissimo incidente si è verificato nel pomeriggio di oggi, giovedì 3 giugno, in autostrada nel Piacentino. Cinque persone hanno perso la vita. L’incidente stradale è avvenuto lungo il tratto della bretella di collegamento tra le autostrade A1 e A21 nel comune di Fiorenzuola d’Arda. Un furgone con a bordo cinque persone, non ancora identificate dalla polizia, si è schiantato contro un tir che lo precedeva. Il mezzo pesante, secondo le prime informazioni, era in quel momento fermo in carreggiata per un altro incidente. L’impatto tra i due veicoli è stato violentissimo.

Le vittime a bordo del furgone morte sul colpo, in corso le indagini – Le cinque persone che viaggiavano a bordo del furgone (un Fiat Doblò) – secondo le prime informazioni tre italiani e due stranieri – sono tutte morte sul colpo. Il tratto di autostrada teatro dell’incidente mortale è stato completamente chiuso al traffico. Sul posto del gravissimo incidente sono intervenuti mezzi del 118 e vigili del fuoco. La polstrada di Cremona sta cercando di ricostruire la dinamica dell’incidente mortale.

Stando a quanto emerso finora il Doblò su cui viaggiavano le vittime si sarebbe schiantato ad alta velocità contro l’autoarticolato: il mezzo si sarebbe letteralmente infilato sotto l’altro, disintegrandosi e non lasciando alcuno scampo agli occupanti. A nulla sono valsi i tentativi dell’uomo al volante di arrestare la corsa del furgone prima dell’impatto, che è stato estremamente violento. Il traffico è interrotto, chiuso l’ingresso di Fiorenzuola della diramazione A21 e traffico deviato.

loading...

Check Also

Green Pass, siamo alla fase due. Invece di abolirlo si studia come inserire personalizzarlo sempre più. Alla faccia di chi non credeva nel ceto utilizzo del lasciapassare

Mentre arriva il super passaporto verde, si moltiplicano controlli e sanzioni. Azienda londinese deposita un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *