Home / NEWS / Tel Aviv sotto una tempesta di razzi! È guerra vera contro Israele

Tel Aviv sotto una tempesta di razzi! È guerra vera contro Israele

GERUSALEMME – Si fa sempre più duro lo scontro tra Israele e Hamas, che arriva a coinvolgere anche Tel Aviv. L’organizzazione palestinese ha annunciato di aver lanciato 130 razzi verso la seconda città israeliana, dove si sono udite le sirene di allarme. Poco distante, a Holon, è stato colpito un autobus e sono state ferite quattro persone, compreso l’autista dell’autobus che è in condizioni critiche. Tra le altre tre persone ferite in modo non grave c’è anche un bambino di cinque anni. A Rishon Lezion è stato colpito un edificio e una donna è morta. È la terza vittima israeliana degli scontri, dopo le altre due donne uccise dai razzi ad Ashkelon, nel sud di Israele. Un altro razzo palestinese ha inoltre centrato una delle infrastrutture strategiche più importanti della stessa cittadina: l’oleodotto del Red-Med Land Bridge che collega il Mediterraneo al porto di Eilat sul Mar Rosso.

Gli attacchi sono stati rivendicati da Hamas e dalla a Jihad Islamica, con il braccio armato di quest’ultima, le Brigate Al-Quds, che in un comunicato ha dichiarato: “Se il nemico continuerà a prendere di mira gli edifici residenziali e i civili, Tel Aviv rimarrà sotto il fuoco della resistenza”.

Poche ore prima Israele aveva distrutto un palazzo di 12 piani nella Striscia – dove si trovavano uffici di Hamas – facendo precedere l’attacco da dei colpi di avvertimento e dando così tempo alle persone all’interno di fuggire. Un altro edificio, in serata, è stato poi fatto crollare a Gaza City, si tratta dell’al-Jawharah.

Il fronte palestinese conta in tutto, al momento, 28 vittime, tra cui 10 bambini. Un portavoce dell’esercito israeliano ha affermato che 15 morti sono “operativi di Hamas e della Jihad Islamica” e ha confermato che le forze israeliane hanno colpito nel corso della notte obiettivi militari legati alle due organizzazioni terroristiche, in un’operazione denominata “Guardiani delle mura”, mentre Hamas l’ha ribattezzata “La spada di Gerusalemme”.

Da lunedì sera, e prima dell’attacco su Tel Aviv, circa 480 razzi erano stati lanciati da diversi gruppi palestinesi da Gaza, secondo l’esercito israeliano. Di questi, il 90 per cento sarebbe stato intercettato dal sistema Iron Dome. Nella stessa giornata Benjamin Netanyahu ha parlato ai cittadini israeliani dicendo che “i razzi su Gerusalemme sono una linea rossa” e che l’operazione in corso “potrebbe richiedere tempo”. E oggi ha ribadito: “Abbiamo deciso di accrescere ancora di più la potenza e il ritmo degli attacchi. Hamas riceverà un colpo che non si aspetta”. Il leader di Hamas Ismail Haniyeh ha rilasciato una dichiarazione sottolineando la diretta connessione tra quanto avviene a Gerusalemme – dove da settimane sono in corso scontri violenti – e a Gaza: “Quando Al Quds chiama, Gaza risponde. Continueremo fino a che Israele non cesserà la sua aggressione terroristica ad Al Aqsa”.

loading...

Check Also

Arrivano caldo africano e afa da record: temperature a 40° e umidità killer, in queste regioni non riuscirete dormire

Caldo africano, picchi di 40 gradi, Italia boccheggiante: il meteo non lascia speranze a chi nel prossimo weekend …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *