Home / GOSSIP / Tolgono la figlia ad Angela da Mondello e la danno agli assistenti sociali?

Tolgono la figlia ad Angela da Mondello e la danno agli assistenti sociali?

Angela Chianello, meglio nota come Angela da Mondello, è di nuovo nei guai? Secondo un rumor circolato in rete il cantante Noseal avrebbe chiamato gli assistenti sociali per vigilare sulla figlia della donna.

Angela Chianello: Noseal e gli assistenti sociali

Noseal, al secolo Antonino Lombardo, è stato il produttore del singolo musicale di Angela da Mondello “Non ce n’è” e a quanto pare a poco meno di un anno dall’uscita del video-tormentone che ha reso celebre la donna, il producer avrebbe chiamato gli assistenti sociali.

Sulla  vicenda non vi sono al momento conferme, ma stando a un rumor circolato in rete il cantante avrebbe telefonato agli assistenti sociali per vigilare sulla figlia di Angela Chianello. Il cantante avrebbe affermato che lei “lasciava sola sua figlia” e che “dovrebbe fare solo la madre”. Sempre secondo il rumor, Noseal avrebbe preso le difese di Lele Mora (accusato da Angela da Mondello di averla sfruttata unicamente per ottenere ulteriore visibilità) sostenendo che, al contrario di quanto affermato dalla donna, lui le avrebbe pagato spese e voli aerei per raggiungerlo a Milano.

Dopo il clamore mediatico ottenuto grazie al suo tormentone “Non ce n’è coviddi”, Angela Chianello si è scagliata contro Barbara D’Urso e proprio contro l’ex manager dei vip. La donna ha affermato che entrambi l’avrebbero “usata” unicamente per ottenere successo e visibilità e che, una volta sfumata la vicenda, non le avrebbero offerto alcun posto di lavoro. In tanti sui social si sono scagliati contro Angela Chianello per il suo tormentone e lei stessa ha affermato più volte di voler tornare alla sua vita di sempre (lontana dalla tv

loading...

Check Also

“Volete dirci sì o no quando finirà questo infame stato d’emergenza?” Cacciari non molla: un nuovo sacrosanta attacco alla feccia di Roma che ci governa

Alessandro Rico per “La Verità” L’esplosivo intervento sul green pass, che produce una «discriminazione» da «regime …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *