Home / NEWS / Bocciato il passaporto vaccinale: il garante della privacy stoppa la buffonata voluta da Speranza

Bocciato il passaporto vaccinale: il garante della privacy stoppa la buffonata voluta da Speranza

I pass vaccinali non trovano pace. L’ultima tegola arriva al Governo dal Garante per la protezione dei dati personali che, con un avvertimento formale, spiega come ”la norma appena approvata per la creazione e la gestione delle ‘certificazioni verdi’, presenta criticità tali da inficiare, se non opportunamente modificata, la validità e il funzionamento del sistema previsto per la riapertura degli spostamenti durante la pandemia. È quindi necessario un intervento urgente a tutela dei diritti e delle libertà delle persone”.

La nota del Garante è stata trasmessa a tutti i ministeri e agli altri soggetti coinvolti. Il provvedimento è stato inviato anche al presidente del Consiglio dei ministri, per le valutazioni di competenza. Il Garante – continua la nota – osserva innanzitutto che il cosiddetto “decreto riaperture” non garantisce una base normativa idonea per l’introduzione e l’utilizzo dei certificati verdi su scala nazionale, ed è gravemente incompleto in materia di protezione dei dati, privo di una valutazione dei possibili rischi su larga scala per i diritti e le libertà personali.

In contrasto con quanto previsto dal Regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il decreto non definisce con precisione le finalità per il trattamento dei dati sulla salute degli italiani, lasciando spazio a molteplici e imprevedibili utilizzi futuri, in potenziale disallineamento anche con analoghe iniziative europee.

Non viene specificato chi è il titolare del trattamento dei dati, in violazione del principio di trasparenza, rendendo così difficile se non impossibile l’esercizio dei diritti degli interessati: ad esempio, in caso di informazioni non corrette contenute nelle certificazioni verdi. La norma prevede inoltre un utilizzo eccessivo di dati sui certificati da esibire in caso di controllo, in violazione del principio di minimizzazione.

Per garantire, ad esempio, la validità temporale della certificazione, sarebbe stato sufficiente prevedere un modulo che riportasse la sola data di scadenza del green pass, invece che utilizzare modelli differenti per chi si è precedentemente ammalato di Covid o ha effettuato la vaccinazione

loading...

Check Also

“Caro Matteo, sono coerente e non mi vendo” La deputata europea lascia la Lega e con questa lettera aperta lancia pesanti e sacrosante accuse a Salvini

di Francesca Donato, parlamentare europea Dopo una lunghissima e approfondita riflessione, sono giunta alla sofferta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *