Home / NEWS / A tutte le categorie di italiani furibondi con Draghi aggiungete gli psicologi: ieri si sono sentiti offesi

A tutte le categorie di italiani furibondi con Draghi aggiungete gli psicologi: ieri si sono sentiti offesi

“Caro Presidente Draghi, le confesso che ho trovato la sua battuta, in occasione della conferenza stampa di ieri, sugli psicologi di 35 anni che bisognerebbe smettere di vaccinare un inciampo infelice e irrispettoso di una categoria che sta offrendo supporto psicologico a centinaia di migliaia di persone. Persone angosciate, ansiose, alcune disperate perché hanno perso familiari, lavoro e identità”. Lo ha dichiarato Federico Conte, presidente dell’Ordine degli Psicologi del Lazio, in una nota.

“I colloqui di supporto psicologico – ha spiegato Conte – si svolgono a distanza, ma anche in presenza, perché curare le relazioni attraverso una videocamera non sempre è possibile, né rappresenta la scelta migliore. Gli psicologi lavorano in studi, mediamente piccoli, dove respirano per un’ora la stessa aria, per poi far uscire un paziente e, subito dopo, farne entrare un altro. Un collega proprio ieri mi diceva che la scorsa settimana ne ha ricevuti 58 in cinque giorni. Ci sono poi gli psicologi che lavorano dando supporto ai medici e agli infermieri che curano i malati Covid, e che non ne possono più di questa situazione. Ma ci sono anche gli sono psicologi che lavorano nelle Rsa, o nelle scuole, e quelli che lavorano con le persone con disabilità, o con i malati oncologici. Il vaccino, credo sia evidente, non serve allo ‘psicologo di 35 anni’, ma ai suoi pazienti, che spesso sono pazienti fragili”.

“Non abbiamo ancora i dati – ha proseguito il presidente dell’Ordine – ma la percezione è che la domanda di intervento psicologico sia esplosa negli ultimi mesi, in una condizione di assoluta inadeguatezza del sistema sanitario nazionale. Ciò nonostante, ognuno di noi sta cercando di fare il meglio che può in una situazione oggettivamente complessa. Tra l’altro, l’obbligo di vaccinazione agli psicologi lo ha imposto il governo con il Dl 44/2021 della scorsa settimana, in cui ha stabilito che ‘la vaccinazione costituisce requisito essenziale all’esercizio della professione’ e che il rifiuto della vaccinazione ‘determina la sospensione dal diritto di svolgere prestazioni’. Nessuno vuole una medaglia, ma un minimo di rispetto credo sia dovuto”.

loading...

Check Also

Vaccino, anche oggi è scappato il morto! Aveva 54 anni e avrebbe dovuto sposarsi venerdì

Alessandro Cocco è morto oggi al Policlinico di Bari a causa di una trombosi cerebrale. L’uomo, 54 anni, …

Un commento

  1. e che psicologi siete se non sapete leggere questi puerili bluff del governo o gli scopi dell’ancor più pesante bluff di un’influenza spacciata per peste?

Rispondi a mikepz Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *