Home / NEWS / Follia Draghi! Chiude tutto anche se è zona gialla

Follia Draghi! Chiude tutto anche se è zona gialla

E meno male che si era parlato di ‘cambio di passo’, di ‘nuova pagina’ nella gestione della pandemia… Perché, oggi, martedì 2 marzo, tocca apprendere che la cabina di regia riunita a Palazzo Chigi – presenti, oltre al premier, i ministri Roberto Speranza (Salute), Maria Stella Gelmini (Affari regionali), Daniele Franco (Economia), Patrizio Bianchi (Scuola), Giancarlo Giorgetti (Sviluppo economico), Dario Franceschini (Cultura), Stefano Patuanelli (Politiche agricole), Elena Bonetti (Famiglia) e i rappresentanti del Cts – ha accolto il contestatissimo parametro proposto dal Comitato Tecnico Scientifico del Ministero della Salute circa la chiusura delle scuole e la ripresa della didattica a distanza nelle regioni gialle e arancioni in cui si registrino oltre 250 casi di Covid ogni centomila abitanti. Un segnale inquietante di come anche il nuovo governo di Mario Draghi sia orientato a prostrarsi alle indicazioni dei tecnici, al di là di valutazioni e proclami politici. Come quello del ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, il quale appena 24 ore fa aveva alzato la voce per dire che le scuole sarebbero rimaste aperte, laddove lo fossero stati anche i negozi. Un proclama condivisibile o meno (la Lega, ad esempio, ha espresso la sua contrarietà a ‘legare’ la chiusura dei negozi a quella delle scuole, o viceversa), ma che in ogni caso esprimeva chiaramente la posizione politica, se non del governo, almeno del ministro competente. Il quale, oggi, è stato puntualmente affossato un po’ come era accaduto tante volte alla sua predecessora Lucia Azzolina. Passa dunque il principio in base al quale le scuole chiuderanno per almeno sette giorni non solo nelle regioni rosse, ma anche in quelle arancioni o gialle in cui si registrino oltre 250 casi di Covid ogni centomila abitanti. Non solo: il provvedimento può scattare anche all’interno di singole province o di singoli comuni, per decisione dei sindaci, laddove si registrino casi di contagio proporzionalmente comparabili sulla base del numero di abitanti.

loading...

Check Also

‘Non chiedo scusa a nessuno’ Ricci si conferma uno dei pochi con la schiena dritta: così chiude le polemiche con la Cina

Antonio Ricci ha deciso di non chiedere scusa per la polemica (arrivata fino in America) che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *