Home / NEWS / Barbara D’Urso mai più in prima serata su Mediaset: la vendetta di Maria De Filippi è implacabile

Barbara D’Urso mai più in prima serata su Mediaset: la vendetta di Maria De Filippi è implacabile

Retroscena by dagospia.com

La chiusura per bassi ascolti di “Live – Non è la D’Urso”, con due mesi di anticipo (stop a fine febbraio e non a maggio, come previsto), ha innescato il moto di solidarietà dei “tele-sorcini” della D’Urso e di quel merluzzone di Nicola Zingaretti, che ormai da segretario (uscente) del Pd non ne imbrocca più una.

Per i fan di “Barbarie”, però, c’è un’altra brutta notizia: la trasmissione non ripartirà neanche a settembre. A dimostrazione che la decisione del Comitato esecutivo di Mediaset, in cui troneggia il “big boss” Pier Silvio Berlusconi, è ben ponderata e fa parte di una strategia più ampia che punta a rinfrescare la proposta editoriale, riducendo le ammuine da trash-pollaio.

“Barbarie” D’Urso, elevata da Zingaretti a nuova martire del tubo catodico, invece di guardarsi allo specchio e fare autocritica per certi tele-polpettoni rifilati al pubblico, si guarda intorno cercando sostegno.

E se il segretario del Pd si è prestato alla richiesta di aiuto, Matteo Salvini – altro prezzemolino degli show della D’Urso – si è ben guardato dall’abboccare. Ha lasciato che fosse il suo guru social, Luca Morisi, ad “applaudire” al tweet di Zingaretti in chiave pro-Barbarella.

Poca roba, in ogni caso. Nessun altro ha speso mezza dichiarazione o un post social per difendere la conduttrice (ma difendere poi da cosa? Se una trasmissione non funziona, si chiude e amen).

Tra i corridoi del “Biscione”, la D’Urso non è amata. E se tra i suoi alleati non possono essere certo annoverati Lucio Presta e Paolo Bonolis (che potrebbe prendere il suo posto con una versione serale di “Avanti un altro”), non è vero – come scrive oggi “la Stampa” (che ha difficoltà a citare Dagospia per lo scoop) – che ci sia lo zampone dell’agente dei vip dietro la chiusura del programma. Certo, rimane la rivalità tra Presta e Marco Durante (che ha sfilato a “Brucio” la cura degli interessi di Belen, della stessa Barbarella e di Rita Dalla Chiesa.

La vera spina nel fianco di Barbara D’Urso in Mediaset si chiama Maria De Filippi. Ma da dove nasce la rivalità tra le due? Tutto è iniziato quando Maria “la Sanguinaria” ha chiesto e ottenuto dal “Biscione” una clausola nel suo contratto che proibisse alla D’Urso di trattare i temi dei suoi programmi e di sfruttare i personaggi delle sue trasmissioni. Una separazione netta. Per la serie: resta pure nel tuo trash-salotto ma non mettere le mani sulla mia “roba”.

Questa clausola non è presente nel contratto di Alfonso Signorini e infatti “Barbarie” ha saccheggiato le storie legate al “Grande Fratello vip”, come nel caso Zenga-Termali. A “Live – Non è la D’Urso” è andata ospite la prima moglie dell’ex portiere dell’Inter, Elvira Carfagna, che ha sparato a zero contro Roberta Termali.

E poi le ospitate polemiche al figlio e al fratello di Walter Zenga. Insomma un intreccio di veleni e retroscena al fiele che hanno fanno imbufalire la Termali che poi si “vendicata” evitando l’invito di Signorini al “GF Vip”.

Dunque, Barbara impasta la polemica, Alfonsina la pazza ne paga il fio. E’ facile capire perché Maria De Filippi abbia voluto impedire alla D’Urso di montare la panna sulle sue storie: prima o poi scoppia un papocchio che porta guai, musi lunghi, vendette incrociate…

loading...

Check Also

Televisione in lutto. Se n’è andata a soli 38 anni, da anni lottava contro un male oscuro

Lutto nel mondo della televisione, muore la star dei reality show britannici. Appena 38 anni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *