Home / NEWS / Salvini avvisa Draghi dopo la notizia della conferma di Speranza e Lamorgese: stavolta sono io quello che può staccare la spina

Salvini avvisa Draghi dopo la notizia della conferma di Speranza e Lamorgese: stavolta sono io quello che può staccare la spina

Amedeo La Mattina per “la Stampa”

Matteo Salvini è contento a metà. Intanto per il metodo: «Sono stato avvisato 10 minuti prima». Draghi ha preso dalla Lega due esponenti dal profilo politico ed economico a lui più congeniali, più moderati, i meno sovranisti, i due che hanno sperato più di tutti nel governo di unità nazionale e nello stesso ex presidente della Bce. Massimo Garavaglia, ex ministro dell’Economia e ora ministro con una delega pesante, quella del Turismo che in un Paese come il nostro vale doppio.

È una delega che nel Conte 1 teneva dentro il dicastero dell’Agricoltura Gian Marco Centinaio, molto vicino al leader e che forse Salvini avrebbe preferito di gran lunga a Garavaglia. Che invece è di rito giorgettiano. Già, Giancarlo Giorgetti, il nuovo ministro dello Sviluppo economico, senza la delega all’energia che passa all’Ambiente: è l’ eterno Richelieu del Carroccio che ha tenuto i rapporti con il governatore di Bankitalia Draghi quando il leghista era presidente della commissione Bilancio della Camera.

Giorgetti negli ultimi mesi si è esposto, anche entrando in rotta di collisione con Salvini, per una linea sempre più europeista, con uno sguardo al Ppe. Rappresenta, insieme al presidente veneto Zaia, la Lega più legata al mondo economico del Nord, a quel partito del Pil fatto di toni bassi e poco incline alla flat tax. Insomma, sono due che garantiscono stabilità a Draghi.

Certo, Salvini può dire di entrare nel governo di unità nazionale in maniera robusta, di essere soddisfatto di avere chiesto e ottenuto il dicastero per la politica della disabilità che aveva già voluto nel Conte 1. Comunque i due pezzi forti, Giorgetti e Garavaglia, non sono proprio salviniani di ferro. Anche la veneta Stefani è molto vicina a Zaia.

Non un caso che il segretario abbia lanciato un avvertimento: «Io sono orgoglioso se la Lega mette a disposizione uomini e donne. Dopodiché io ascolto tutti ma l’ ultima parola in casa Lega è la mia». Come dire: se e quando deciderò di staccare la spina al governo lo deciderò io.

Ma ieri era il giorno dell’orgoglio leghista. «Devo dire – ha affermato l’ ex ministro dell’Interno – che occuparsi di settori strategici per l’Italia come lo Sviluppo economico, il sostegno alle imprese, il turismo, che è uno dei settori più colpiti di questa emergenza ed è una ricchezza incredibile per il nostro Paese, e poi il ministero per le disabilità, ecco per noi è motivo di orgoglio, impegno ed enorme responsabilità».

C’è una grande amarezza per Salvini: la riconferma di Speranza e della Lamorgese, la quale ha smontato i suoi decreti sicurezza e ha impresso discontinuità con il predecessore leghista «O c’è un cambio di passo, di squadra, di risultati – avverte Salvini – oppure ci sarà bisogno di aiuto e sostegno da quelle parti».

Significa che nei ministeri della Salute e dell’Interno Salvini vuole ora piazzare come viceministri e sottosegretari suoi uomini e donne. Si parla di Molteni o di Candiani che già stavano con lui al Viminale. Ma questa è la prossima partita. «Mi sembra chiaro – insiste Salvini – che occorra accelerare nella lotta al Covid, nel piano vaccinale e quello che si è fatto con Speranza e Arcuri non mi sembra sia sufficiente. E sul fronte sicurezza, lotta alla droga, immigrazione clandestina e lotta alla mafia si deve fare di più. Vedremo di fare gioco di squadra mantenendo ognuno la sua diversità».

loading...

Check Also

Omicidio Cerciello Rega, chiesto l’ergastolo per i due giovani americani

Condannare Finnegan Lee Elder e Gabriel Natale Hjorth alla pena dell’ergastolo con isolamento diurno per …

2 commenti

  1. Salvini conferma tutte le sue difficoltà in matematica
    Leu, PD, IV, FI, Centristi Automie e, stando bassi, metà 5stalle sono più che sufficienti per governare senza Lega.

  2. Innanzi tutto: “1984” di Orwell è un libro di denucia del totalitarismo, non un manuale per realizzare il regime totalitario perfetto, così occorre denunciare l’uso ossessivo della NEOLINGUA:
    “sovranisti” sono coloro che difendono l’articolo 1 della Costituzione:”…la SOVRANITA’ appartiene al popolo”
    i compagni ed i servi dei media, invece, usano questo bizzarro termine come se fosse un insulto (?!) al contrario, chi ha tolto sovranità al Popolo, per cederla alla UE o all’ONU… o invita, o agisce per togliere al Popolo la poca sovranità che gli resta, è un nemico del Popolo e dovrebbe essere incarcerato per “ATTENTATO ALLA COSTITUZIONE”.
    Scritto ciò, Giorgetti è un europeista che potrebbe stare anche nel PD, così come i filo-Zaia, che sono affatto legati al mondo produttivo: Zaia vorrebbere chiudere tutti in casa, peggio del più demente dei grillirossi, affossando l’economia.
    Speranza ha imposto le terapie sbagliate come la “ventilazione” che hanno causto dei morti, ha poi vietato di effettuare le autopsie, così che i medici non potevano capire come il virus uccide, ha ostacolato le terapie efficaci: il chinino, ha ostacolato le cure con i monoclonali (li ha regalati agli USA) ha fatto sparire i morti con le cremazioni…
    … Speranza, si è comportato come uno scrupoloso GENOCIDA, ha sulla coscienza migliaia di morti e finchè non ci spiega il perchè delle sue azioni, penso che l’abbia fatto volontariamente ed ora penso che l’abbiano voluto premiare con un secondo mandato…
    …ma NESSUNO lo ha denunciato per questo, tantomeno Salvini.
    La Lamorgese è complice nell’invasione dell’Italia da parte dei tagliagole islamici, dei mafiosi nigeriani, dei galeotti nordafricani, si comporta come una traditrice che odia gl’italiani ed è responsabile dei crimini che commettono i delinquenti che avrebbe dovuto fermare. Salvini a parole è “indignato” ma nei fatti è alleato.
    La Lega non ha una politica economica “diversa” ed in tema di “covid” è più credente del PD
    Dunque la Lega e Salvini, sono stati demonizzati per dare una parvenza di “opposizione” per creare il babau “fascista” inesistente, ma a cui i bambini che votano PD piace credere, così come la Meloni lasciata a fare il “poliziotto cattivo” ma identica a tutti gl’altri… in ultima analisi: QUALUNQUE partito può governare nello stesso Governo, che non cambierebbe assolutamente nulla, sono tutti uguali e le minacce di Salvini sono soltanto parte di questa farsa grottesca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *