Home / NEWS / Renzi ha fatto bene o male a innescare la crisi? Briatore non ha dubbi ma la sua opinione scatena un mare di polemiche

Renzi ha fatto bene o male a innescare la crisi? Briatore non ha dubbi ma la sua opinione scatena un mare di polemiche

Matteo Renzi, con le sue decisioni e il ritiro delle ministre e del sottosegretario di Italia Viva, ha scatenato diverse polemiche. La crisi di governo in piena emergenza Covid non è stata apprezzata dalla maggior parte delle persone, ma tra i pochi che sono d’accordo con lui c’è Flavio Briatore.

Mi congratulo con Matteo Renzi per aver dato una scossa a questo governo. Bravo Matteo!” ha dichiarato Flavio Briatore, in un video che ha postato su Instagram.

L’imprenditore si è congratulato pubblicamente con il leader di Italia Viva per la crisi di governo aperta con le dimissioni di due sue ministre, Teresa Bellanova e Elena Bonetti. “Questa gente deve capire che non possono fare dei decreti e venire in televisione a raccontarci un sacco di balle” ha aggiunto l’imprenditore, ribadendo la sua posizione, che ha espresso numerose volte in altri contesti televisivi.

Non è vero che una crisi è incompatibile con un’emergenza” ha aggiunto Flavio Briatore, spiegando che proprio l’emergenza ha dimostrato l’inadeguatezza del governo e l’esigenza di cambiarlo.

È esattamente il contrario. È proprio nell’emergenza che se un governo dimostra la sua inadeguatezza va cambiato. Questi sono mesi che promettono e non fanno niente: rifiutano i soldi dell’Europa, il Mes, hanno chiuso così a casaccio dappertutto, stanno distruggendo categorie intere di persone” ha aggiunto l’imprenditore, che in molte occasione ha espresso il suo parere e il suo sostegno per le categorie che in questo momento stanno soffrendo maggiormente dal punto di vista economico e lavorativo.

loading...

Check Also

Renzi, il rapporto della Cia lo ammazza politicamente: pagherà cara la sua fame di soldi

“Alla luce del rapporto della Cia sulle responsabilità del principe saudita Bin Salman nell’omicidio Khashoggi, penso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *