Home / NEWS / “Abbia la decenza di tacere!” Serracchiani che figuraccia indegna: così il professor Ricolfi la demolisce in diretta tv

“Abbia la decenza di tacere!” Serracchiani che figuraccia indegna: così il professor Ricolfi la demolisce in diretta tv

A L’aria che tira – la trasmissione di La7 condotta da Myrta Merlino – è andato in scena uno scontro tra Luca Ricolfi e Debora Serracchiani, con quest’ultima che per difendere il governo giallorosso presieduto da Giuseppe Conte è scaduta presto nel ridicolo. A far scattare la reazione del sociologo è però stata innanzitutto la provocazione sulle vittime del Covid: “Le parole hanno un peso – ha dichiarato la deputata del Pd – ricordare i morti è una caduta di stile che possiamo evitare, per una questione umana e non politica”. “Ma come si permette, ma come si permette di usarli lei?”, è stata la replica incredula di Ricolfi.

“Ha ragione, ma vorrei ricordarle che se siamo arrivati qui è perché c’era un governo che, pur non avendo fatto tutto bene, ha riconquistato centralità in Europa”, ha continuato la Serracchiani: “Se oggi parliamo di 200 miliardi è perché c’era questo governo, se ci fosse stato il precedente molto probabilmente non solo non avremmo i soldi per riemergere dalla pandemia, ma saremmo guidati da gente che direbbe che mascherine e distanziamento non sono importanti”. A questo punto Ricolfi non ha atteso ulteriori sciocchezze e ha risposto così: “Pensate a fare bene il vostro mestiere, non a immaginare come lo avrebbero fatto gli altri”. Tra l’altro la Serracchiani, dopo aver evocato il “pericolo” rappresentato da Matteo Salvini, ha dovuto ammettere che “non c’è ovviamente la controprova del fatto che con un altro governo sarebbe andata molto peggio”. 

loading...

Check Also

Da oggi fine delle restrizioni: Putin da domani libera tutte le attività ed i movimenti dei suoi concittadini. Peccato che nessun Tg te lo racconti

Boris Karpov er Maurizioblondet.it ( traduzione automatica) Andando contro la paranoia dei governi occidentali, Vladimir …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *