Home / NEWS / Saranno almeno 100 giorni di lockdown! Dalle informazioni che filtrano il piano di Conte è sempre più allucinante

Saranno almeno 100 giorni di lockdown! Dalle informazioni che filtrano il piano di Conte è sempre più allucinante

Il governo italiano ha in questo momento un obiettivo ben chiaro da un punto di vista sanitario: evitare la terza violenta ondata di covid-19. Per farlo le indiscrezioni parlano di un nuovo dpcm, quello che verrà comunicato giovedì 14 gennaio, con misure più nette e con 100 probabili giorni di restrizioni che porterebbero quasi tutte le regioni in zona rossa.

Lo stato d’emergenza, secondo quanto riportato da La Repubblica, potrebbe essere dunque prorogato fino al 30 aprile e si rinnoverebbe di 3 mesi in mesi. Oltre a tutto questo è molto probabile che rimanga il sistema della colorazione delle regioni, ma che vengano resi più severi i criteri per ogni fascia di rischio.

Covid, verso il nuovo dpcm: le restrizioni

Stando alle anticipazioni sul nuovo dpcm, le restrizioni potrebbero riguardare ulteriori strette anche nelle zone gialle che si confermerebbero dunque rafforzate, con gli spostamenti tra regioni vietati e le visite nelle case di amici e parenti limitate a due persone non conviventi. Si valuta poi l’opzione di vietare l’asporto a bar e ristoranti dopo le 18, lasciando la sola consegna a domicilio.

Come accennato, anche la classificazione in zona diventerà più rigorosa.

Fondamentali saranno i livelli di occupazione dei posti in terapia intensivae naturalmente l’indice Rt che, se superiore ad 1, porterà il territorio in arancione, mentre con 1,25 si andrà in zona rossa. Verrà poi introdotta una nuova zona, quella bianca, un oasi felice con parvenze di normalità. In questa fascia di rischio si potrà accedere solo con Rt inferiore a 0,5.

loading...

Check Also

Sardegna zona bianca? La lettera di un residente: una colossale fregatura

lettera al sito Nicolaporro.it sono un 47 enne sardo (artista e produttore artistico) volevo puntualizzare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *