Home / NEWS / Conte è finito per davvero! Renzi è uscito allo scoperto: la testa di Giuseppi è il suo vero obiettivo

Conte è finito per davvero! Renzi è uscito allo scoperto: la testa di Giuseppi è il suo vero obiettivo

Marco Galluzzo per corriere.it

Italia viva dice che «il governo è al capolinea», ma chiede il Ponte sullo Stretto e anche le risorse sanitarie del Mes. Italia viva si siede al tavolo di maggioranza alle sette di sera e contesta tutto, il metodo e il merito, del Recovery plan, di aver ricevuto solo 13 pagine di sintesi, eppure non fa saltare il tavolo.

L’affondo di Iv

È anche la cronaca di una dinamica fuori controllo, o forse quella di una sceneggiata che precede le ore decisive del weekend e di una crisi ormai scontata, il confronto fra i partiti che sostengono il governo per trovare una sintesi sul Piano europeo di ripresa. La Boschi litiga con Gualtieri, che l’accusa di aver presentato solo «richieste sommarie». L’altro esponente di Italia viva, Faraone, litiga sia con Gualtieri che con Conte, «ci avete convocato con un mese di ritardo e non ci date nemmeno il piano completo». «Se ve lo avessimo dato avreste contestato anche questo», gli risponde Gualtieri.

L’ultimatum

Più che un confronto sembra un dialogo fra sordi, con le squadre del Pd e del M5S che assistono e provano a difendere una sintesi, ma in una riunione che finisce con l’apparire una sorta di recita. I renziani ora vogliono il Piano completo e non solo una sintesi e si dicono pronti a dare un risposta «entro 24 ore».

Ma chi è al tavolo per il Pd dice che Iv ha messo «paletti su tutto e vuole commissariare il Consiglio dei ministri». Tutto questo mentre Conte ripete come un mantra, ma inascoltato dai renziani, che il piano attuale «è una sintesi di tutte le istanze e presto ci sarà anche un patto di legislatura».

Lo scenario della crisi

In un clima che ha del surreale, alcuni presenti a Palazzo Chigi altri collegati da remoto, la riunione che potrebbe essere il prologo di una vera e propria crisi politica al buio si svolge con le peggiori premesse e senza alcun buon auspicio. «Serve un nuovo progetto di governo, che offra al Paese chiarezza», scandisce la ministra delle Pari opportunità, Elena Bonetti, Iv. Subito dopo Ettore Rosato, presidente di Iv: «Conte non è indispensabile, se si apre una crisi si va avanti con le procedure previste». Al vertice vengono anche alzati i toni. Il dem Andrea Orlando, irritato per gli attacchi di Iv, agita il fantasma della crisi. «A questo punto non è esclusa, quindi va messo in sicurezza il Recovery», per non perdere le risorse che arriveranno da Bruxelles.

Renzi: gli italiani non ne possono più

Mentre la riunione è in corso Matteo Renzi martella: «Penso che gli italiani non ne possano più. Sono sei mesi che chiediamo questo piano. Dico al governo: prendete una decisione, quale che sia, ma prendetela». Ma appare tutto cacofonico, se non contraddittorio: la Boschi ha chiesto 24 ore di tempo, la Bellanova ha detto che il governo è al capolinea, quale decisione dovrebbe prendere il governo?

Da Palazzo Chigi gli esponenti del Pd, di Leu e del Movimento 5 Stelle escono sconfortati. Ancora una volta non si è deciso nulla. Zingaretti dice che sarebbe un «errore imperdonabile» provocare elezioni anticipate, così come non porterebbe nulla di buono al Paese «un altro governo». Il Cdm della verità si terrà la prossima settimana.

loading...

Check Also

Da oggi fine delle restrizioni: Putin da domani libera tutte le attività ed i movimenti dei suoi concittadini. Peccato che nessun Tg te lo racconti

Boris Karpov er Maurizioblondet.it ( traduzione automatica) Andando contro la paranoia dei governi occidentali, Vladimir …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *